317 CONDIVISIONI
14 Giugno 2014
13:14

Colpo di scena: applicato nuovamente il segreto ad uno dei dossier desecretati

Per uno dei cento file desecretati lo scorso 23 maggio dalla Camera dei Deputati, ieri sera è stato applicato nuovamente il segreto. Ufficialmente si tratta di un errore ma sono tanti i dubbi e le stranezze.
A cura di Antonio Musella
317 CONDIVISIONI

L'opera di desecretazione dei dossier riguardanti l'omicidio Alpi – Hrovatin e la vicenda delle "navi dei veleni" lo scorso 23 maggio, fu salutato come una grande operazione di trasparenza da parte del governo Renzi. Sono però bastati pochi giorni di lettura dei fascicoli per comprendere come in quelle carte si nascondano, oltre a qualche interessante collegamento, ancora tante lacune che impediscono uno scatto in avanti verso la ricostruzione della verità su due dei principali "misteri italiani". A ventidue giorni dalla desecretazione, nella serata di ieri è arrivato un colpo di scena.

Applicato nuovamente il segreto – Con una mail inviata intorno alle 21, l'archivio della Camera dei Deputati ha comunicato che uno dei 100 file desecretati ritorna ad essere segreto .
L'archivio comunica che c'è stato un errore, il Ministero di competenza, quello delle Politiche Agricole, aveva dato in  un primo momento il via libera alla desecretazione del documento in questione ma, in un secondo momento, preso atto dell'errore, ha inviato alla Presidenza della Camera dei Deputati una nuova richiesta di secretazione .
Pertanto quel fascicolo n.607/01, torna ad essere segreto e di conseguenza ai termini di legge " il suo contenuto non può essere oggetto di alcuna forma di divulgazione, né in tutto, né in parte". Si rischiano fino a 8 anni di galera.

Il file segreto che tutti conoscono – La situazione che si è venuta a creare è davvero paradossale. Il file in questione, dal 23 maggio scorso, è stato inviato via posta elettronica a tutti quelli che ne avevano fatto richiesta e solo oggi, a quasi un mese di distanza, si comunica che è stato nuovamente posto il segreto. Centinaia di persone sono in possesso di quel file, lo hanno letto e studiato, ma non possono divulgarne il contenuto. In pratica questo documento è diventato improvvisamente il segreto di Pulcinella.

I dubbi e le stranezze – E' possibile che il Ministero di competenza si sia accorto solo dopo ventidue giorni di aver commesso un errore? La domanda è più che legittima. Ed i dubbi su questo colpo di scena sono tanti .
Infatti tra i 100 file desecretati il Ministero delle Politiche Agricole aveva competenza solo su questo unico documento. Ma nonostante dovessero decidere su un solo fascicolo hanno commesso un errore. Sul contenuto possiamo solo dire che si tratta di un carteggio breve di poche pagine inviato alla Commissione d'inchiesta sul ciclo dei rifiuti presieduta da Gaetano Pecorella, ma che riguarda questioni tutt'altro che marginali ai fini investigativi .
L'evento resta un caso anomalo e potrebbe ancora riservare sorprese. La Camera dei Deputati si è limitata a comunicare, sotto richiesta del Ministero delle Politiche Agricole, l'impossibilità di divulgazione del file senza però chiederne la distruzione. Infatti per impedire la circolazione del documento e la sua presa visione, si sarebbe potuto chiedere la distruzione il che avrebbe comportato una gigantesca operazione di polizia che si sarebbe dovuta recare presso le abitazioni dei detentori del documento ed acquisirlo per distruggerlo. Un'operazione che avrebbe senza dubbio suscitato clamore e polemiche. Si è dunque scelta la strada del "segreto di Pulcinella" che tutti sanno ma che nessuno può dire .
Restano però inevase troppe domane: come è possibile che solo dopo tre settimane dalla desecretazione del file si siano accorti dell'errore? Chi ha dato il via libera alla desecretazione che tipo di valutazione aveva fatto? Con qual motivazione il Ministero delle Politiche Agricole ha applicato nuovamente il segreto sul documento ?
Troppe domande per non far nascere il sospetto che davanti alla versione ufficiale "dell'errore di valutazione" non si nasconda invece uno scontro sotto traccia tra apparati .
Una cosa è certa, segreto o no il contenuto di quel documento è bruciato. Centinaia di persone conoscono il contenuto di quelle pagine, quelle notizie ed i protagonisti descritti in quelle pagine sono ormai inservibili. Bruciati .

317 CONDIVISIONI
Applicata la legge “occhio per occhio”, i talebani tornano uccidere in pubblico i condannati
Applicata la legge “occhio per occhio”, i talebani tornano uccidere in pubblico i condannati
Chi è il tedesco arrestato in Italia che stava progettando un colpo di stato in Germania
Chi è il tedesco arrestato in Italia che stava progettando un colpo di stato in Germania
L'auto si capovolge e Marina viene catapultata fuori: 21enne morta sul colpo nell'incidente
L'auto si capovolge e Marina viene catapultata fuori: 21enne morta sul colpo nell'incidente
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni