140 CONDIVISIONI
16 Settembre 2021
22:12

Anziana uccisa in casa a Bari, il killer aveva detto: “La conoscevo, mi voleva bene”

Aveva raccontato di conoscere la vittima che gli voleva bene così come tante altre persone nel condominio. Saverio Mesecorto, il 51enne reo confesso dell’omicidio dell’anziana uccisa a Bari lunedì scorso, qualche giorno prima dell’arresto in un’intervista rilasciata a Mediaset News aveva parlato di Anna Lucia Lupelli.
A cura di Chiara Ammendola
140 CONDIVISIONI

"Una persona bravissima, mi voleva bene, qui tutti mi vogliono bene, sono dieci anni che vengo qui a pulire", diceva così ai microfoni di NewsMediaset il killer di Anna Lucia Lupelli, la donna di 81 anni uccisa a coltellate lunedì scorso nella sua casa nel quartiere Carrassi a Bari. Saverio Mesecorto che questa mattina ha confessato alla polizia  di aver colpito a morte l'anziana donna con numerose coltellate, aveva rilasciato un'intervista mercoledì 15 settembre, il giorno dopo il ritrovamento del cadavere della vittima.

Alla giornalista di New Mediaset aveva raccontato di conoscere sia la donna che le figlie: "L'ho saputo dal telegiornale – le parole del 51enne barese che nel condominio lavorava come addetto alle pulizie – lunedì qui c'era un mortorio, un deserto, nessuno che entrava o usciva". Come a voler confermare il fatto che il killer della donna potesse essere entrato in casa senza essere notato. Alla domanda se la vittima lasciasse aperta la porta Mesecorto aveva spiegato: "Quando faceva caldo, la signora la lasciava sempre aperta quella porta, sia la porta d'ingresso che il cancelletto". Un racconto pregno di bugie, come poi è emerso dalla sua confessione giunta al culmine di un'indagine lampo portata avanti dalla polizia che lo ha arrestato con l'accusa di omicidio volontario aggravato dalla premeditazione.

Il giorno dell'omicidio il 51enne che si recava nel condominio dove viveva la donna tre volte a settimana per fare la pulizie, lunedì, mercoledì e sabato, si sarebbe recato a casa della vittima con una scusa. Il cancelletto dunque non era aperto. Una volta entrato in casa avrebbe afferrato un coltello e colpito l'anziana con almeno sette coltellate, rivelatesi fatali. Poi avrebbe portato via oltre mille euro in contanti e il bancomat. Sul fuoco i poliziotti che hanno trovato il corpo solo il giorno seguente, martedì, hanno trovato ancora una pentola col cibo che la vittima stava preparando per pranzo.  Vedova e madre di due figlie, Anna Lucia viveva da sola nel piccolo appartamento situato nel sottoscala di un palazzo non lontano dal carcere. Messo alle strette nel corso di un interrogatorio, l'omicida avrebbe indicato il movente nella impellente necessità di denaro.

140 CONDIVISIONI
Bruna Bovino uccisa e data alle fiamme a Bari, sentenza ribaltata per l'ex: condannato a 26 anni
Bruna Bovino uccisa e data alle fiamme a Bari, sentenza ribaltata per l'ex: condannato a 26 anni
Cocò, ucciso e bruciato a 3 anni dalla ndrangheta: Cassazione conferma ergastolo per i due killer
Cocò, ucciso e bruciato a 3 anni dalla ndrangheta: Cassazione conferma ergastolo per i due killer
Pensionata trova portafoglio con 4mila euro, lo riconsegna e in cambio chiede solo un passaggio a casa
Pensionata trova portafoglio con 4mila euro, lo riconsegna e in cambio chiede solo un passaggio a casa
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni