30 Giugno 2022
7:00

Sulle tracce del Tour de France 2022 in Danimarca: 7 destinazioni da non perdere

Il Grand Départ del Tour de France 2022 parte dalla Danimarca e, dal 1 al 3 luglio 2022, sarà possibile esplorare le più incredibili bellezze paesaggistiche, storiche e architettoniche del paese.
A cura di Clara Salzano
Una delle architetture (The Wave) lungo l’itinerario del Grand Départ del Tour de France 2022
Una delle architetture (The Wave) lungo l’itinerario del Grand Départ del Tour de France 2022

Il Tour de France 2022 avrà inizio per la prima volta dalla Danimarca. Dal 1 al 3 luglio 2022, uno dei più grandi paesi ciclistici al mondo ospiterà il Grand Départ della più grande gara ciclistica del mondo. La prima tappa del Tour de France parte da Copenaghen, famosa per essere la città più bike-friendly del mondo, per attraversare alcune delle città storiche e dei paesaggi più belli della Danimarca. Nel paese ci sono circa 12.000 km di piste ciclabili. La bicicletta è molto più dello sport nazionale per i danesi, basti pensare che nove danesi su dieci ne possiedono una. Nelle diverse tappe del Tour de France in Danimarca sono tante le destinazioni da esplorare. Non serve essere un ciclista professionista per approfittare delle bellezze paesaggistiche, storiche e architettoniche del paese: ecco una guida alle mete più suggestive del Grand Départ.

Copenaghen, la città più contemporanea d'Europa

Copenaghen è la città più bike-friendly del mondo e non poteva esserci tappa più adatta da cui iniziare l'interessante itinerario del Grand Départ del Tour de France in Daniamrca. La capitale danese è una città a misura di bicicletta, si potrebbe dire, tanto che, ogni giorno della settimana, solo i ciclisti di Copenaghen percorrono la distanza equivalente di 400 edizioni del Tour de France. Solo negli ultimi dieci anni Copenaghen ha investito 200 milioni di euro in infrastrutture ciclabili e il design urbano mette i ciclisti al primo posto, dai semafori che fanno partire i ciclisti per primi a ponti dedicati alle biciclette.

La 8 House di BIG
La 8 House di BIG

Copenaghen non è solo una delle migliori città ciclistiche al mondo ma anche uno dei centri più all'avanguardia per il design, l'arte e l'architettura contemporanea. Nella capitale danese si fa il bagno nelle acque del porto, che sono tra le più pulite al mondo. Si può sciare in città sullo spettacolare termovalorizzatore Copenhill, nominato World Building of the Year al World Architecture Festival nel 2021, dove si trova anche la parete di arrampicata più alta del mondo.

La parete di arrampicata più alta del mondo
La parete di arrampicata più alta del mondo

Uno degli architetti più richiesti del momento, Bjarke Ingels, originario di Copenaghen, ha realizzato qui alcuni dei suoi progetti residenziali più interessanti, come le Mountain Dwellings, 8 House e la VM House. La città ospita inoltre i due ristoranti migliori al mondo secondo la guida Michelin, il Noma e il Geranium, oltre ad altri numerosi locali, da Popl a Ristorante Sanchez, che fanno della Nuova Cucina Nordica una vera e propria attrazione mondiale.

L’orto del Noma con Copenhill sullo sfondo
L’orto del Noma con Copenhill sullo sfondo

Le architetture mozzafiato di Vejle

La Danimarca è il paese ideale per i ciclisti e il Grand Départ del Tour de France, proseguendo per Roskilde e Nybord, attraverso la zona dei fiordi, permette di vivere alcune delle migliori esperienze naturalistiche del paese. Arrivati a Vejle si può visitare il primo edificio progettato dall'artista Olafur Eliasson e dagli architetti dello Studio Olafur Eliasson. Si tratta di Fjordenhus, definito come un Gesamtkunstværk contemporaneo, in cui arte, design, architettura, poesia e scienza convivono in un unico edificio.

Il Grand Départ de Tour de France 2022 a Viejle
Il Grand Départ de Tour de France 2022 a Viejle

Fjordenhus è progettato per creare un dialogo continuo tra architettura del sito e il fiordo circostante. L'edificio a quattro cilindri continui contiene una serie di opere d'arte site-specific ed elementi scenografici per l'illuminazione progettati appositamente per l'edificio da Eliasson e dal suo team: “Abbiamo sperimentato – spiega Olafur Eliassonun'espressione organica che gioca con la marea e la superficie mutevole del fiordo”. Dall'interno il mare viene incorniciato da varie angolazioni che sembrano far penetrare l'acqua all'interno e riflettere lo spazio all'infinito, cambiando la percezione degli ambienti mentre ci si muove attraverso di essi.

Il complesso di Fjordenhus di Olafur Eliasson
Il complesso di Fjordenhus di Olafur Eliasson

Sullo stesso fiordo di Vejle si trova Bølgen (The Wave), uno degli edifici più iconici della città e tra le architetture più riconosciute al mondo. L'edificio residenziale è caratterizzato da cinque onde di nove piani in cui sono inseriti gli appartamenti panoramici con vista sul porto turistico, sul ponte e sul giardino di Skyttehuse. Progettato dal rinomato studio di design danese Henning Larsen Architects, Bølgen ha ricevuto numerosi prestigiosi premi di architettura.

Bølgen (The Wave) di Henning Larsen Architects
Bølgen (The Wave) di Henning Larsen Architects

I paesaggi più belli dello Jutland

Lasciandosi alle spalle la pittoresca Vejle, l'itinerario continua sulle colline attorno alla città, tra sentieri escursionistici e siti del patrimonio mondiale dell'Unesco. Il paesaggio nei dintorni è modellato dall'era glaciale. Qui si trovano le salite più ardue della Danimarca e si può percorrere in bicicletta la strada principale dello Jutland, la Strada Antica (Hærvej), che attraversa i paesaggi naturalistici più belli della zona per 500 chilometri.

Il percorso del Tour de France 2022 nello Jutland
Il percorso del Tour de France 2022 nello Jutland

Tra salite più impegnative e distese di prati rigogliosi, si costeggiano brughiere, foreste, laghi e valli tortuose dove iconiche biciclette gialle indicano il giusto percorso da intraprendere sulle tracce del Tour de France. Un percorso escursionistico di sedici chilometri conduce inoltre, attraverso morbide colline e punti di osservazione privilegiati sul paesaggio verde circostante, da Vejle a Jelling dove si colloca la nascita della nazione danese. Lungo il tragitto è possibile inoltre scoprire piccoli tesori danesi come la distilleria Fary Lochan, specializzata in whisky danese, gin, acquavite e liquore, realizzati a mano per garantire il massimo qualità e indicata anche dal Noma come miglior whisky del paese.

Il paesaggio da Vejle a Jelling
Il paesaggio da Vejle a Jelling

Le Pietre runiche di Jelling

Un susseguirsi di colonne in pietra disposte in posizione circolare accolgono i visitatori che arrivano a Jelling, nella regione dello Jutland, famoso per essere un luogo speciale nella storia della Danimarca. Qui sorgono infatti le Pietre runiche, monumenti simbolo della nazione perché considerate il "certificato di nascita" della Danimarca.

Il sito di Jelling
Il sito di Jelling

La storia vichinga del paese è infatti strettamente legata a questo luogo dove si trovano i due grandi tumuli con le antiche iscrizioni risalenti al X secolo, una chiesa e la nave di pietra più grande del mondo. Il sito di Jelling è patrimonio mondiale dell'Unesco dal 1994. Ci si può immergere nella cultura vichinga a Jelling anche a tavola come al Cafè Sejd che prepara piatti ispirati alla tradizione con ingredienti locali di grande qualità, tanta ospitalità e una vista unica sulle Pietre runiche.

Le Pietre ruviche
Le Pietre ruviche

La storica città portuale di Sønderborg

Il 3 luglio 2022 il Tour de France arriva nello Jutland meridionale. La corsa ciclistica più grande e prestigiosa del mondo attraversa la Sønderjylland per tagliare il traguardo a Sønderborg. A Sønderborg, colorati edifici storici e architettura moderna convivono per creare un magnifico lungomare. Il famoso architetto Frank Gehry ha firmato il masterplan che definisce il nuovo waterfront della città. Qui la torre in alluminio e vetro dell'Alsik Hotel, firmata da Henning Larsen, è la nuova attrazione della città con il suo punto d'osservazione panoramico al 16° piano.

Il punto d’osservazione sull’Alsik Hotel
Il punto d’osservazione sull’Alsik Hotel

Oltre al nuovo sviluppo urbano e all'antico castello di Sønderborg, icona nazionale vicino al porto, la città è riconosciuta nella storia danese per l'importante ruolo durante la seconda guerra dello Schleswig del 1864, di cui oggi si possono vedere diverse testimonianze. Inoltrandosi nei dintorni della città è possibile scoprire meravigliosi scorci come dalle stanze del piccolo ex monastero di Als, oggi trasformato nell'hotel Als Kloster, che sorge vicino al mare e al sentiero escursionistico del Gendarme.

Il ristorante dietro un caveau del centro commerciale

Non solo siti storici e architetture contemporanee mozzafiato, girando per le vie di Sønderborg può capitare anche di imbattersi in anonimi centri commerciali che nascondo universi onirici meravigliosi. Si tratta di Karikatur 6400, il ristorante che si cela dietro una porta di un caveau. Dall'esterno nulla allude all'originale spazio che accoglie gli ospiti nel locale il cui slogan è: "Non aggiungiamo cibo ai cocktail, né aggiungiamo cocktail al cibo: aggiungiamo sapore a tutto il resto".

Karikatur 6400
Karikatur 6400

Il panorama dalla Marsk Tower

Prima di trasferirsi in Francia, non può mancare un passaggio alla Marsk Tower (Torre della Palude), progettata dal rinomato studio Bjarke Ingels Group (BIG) e posizionata nel magnifico Wadden Sea National Park, patrimonio mondiale dell'Unesco. Da un paesaggio piatto e verdeggiante si vede emergere una torre di avvistamento alta 25 metri. La Marsk Tower rappresenta un punto di riferimento nel paesaggio con il suo design che si ispira al DNA umano. La torre a spirale, circondata da orti, glamping, ristorante, bar e lago, è già un'attrazione che permette viste panoramiche a perdita d'occhio.

La Marsk Tower di BIG
La Marsk Tower di BIG
Cosa vedere a Venezia durante la Biennale d'Arte 2022: 5 mostre da non perdere
Cosa vedere a Venezia durante la Biennale d'Arte 2022: 5 mostre da non perdere
Fuorisalone 2022, gli eventi moda da non perdere: il calendario e come partecipare
Fuorisalone 2022, gli eventi moda da non perdere: il calendario e come partecipare
Perché Alcova è l'evento da non perdere al Fuorisalone 2022
Perché Alcova è l'evento da non perdere al Fuorisalone 2022
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni