3 Agosto 2022
9:53

Cos’è il peeling enzimatico: i benefici del trattamento esfoliante e i prodotti da provare

Conosci i peeling enzimatici? Trattamenti skincare che agiscono sull’epidermide grazie agli enzimi della frutta per rigenerare la pelle e renderla più luminosa e levigata.
A cura di Federica Ambrogio
Elemis
Elemis

Per esfoliare la pelle e renderla morbida e levigata non esistono solo gli scrub: sai cosa sono i peeling enzimatici? Sono trattamenti skincare che esfoliano la pelle in profondità, senza l'azione meccanica dello scrub: il nome deriva dal fatto che per questo tipo di trattamento vengono utilizzati dei veri e propri enzimi, solitamente quelli della frutta, per rimuovere le cellule morte. È adatto anche alle pelli più sensibili perchè nonostante pulisca e rigeneri la pelle in profondità non produce uno sfregamento aggressivo sulla pelle, come succede invece per gli scrub tradizionali. A differenza del peeling chimico che si effettua dal dermatologo o dal medico estetico e viene effettuato utilizzando degli acidi, il peeling enzimatico è meno invasivo e può essere utilizzato tranquillamente a casa, acquistano i prodotti di brand come Elemis, Miamo e Freshly Cosmetics in farmacia, profumeria oppure online.

Cos'è il peeling enzimatico e a cosa serve

Il peeling enzimatico è un tipo di esfoliazione approfondita che elimina le cellule morte utilizzando gli enzimi che detergono la pelle in profondità: grazie all'azione proteolitica, il peeling enzimatico ha la capacità di scomporre le proteine di cheratina dell'epidermide e, di conseguenza, penetrare più profondità liberando anche i pori ostruiti. Gli enzimi usati per questo tipo di peeling sono quelli vegetali che derivano solitamente dalla buccia della frutta: i più comuni sono quelli che derivano da ananas, papaia, mela e zucca. Dopo il trattamento la pelle risulterà non solo più morbida e levigata, ma anche con un colorito più sano e luminoso.

Lo scrub presenta microgranuli maggiormente abrasivi rispetto al peeling
Lo scrub presenta microgranuli maggiormente abrasivi rispetto al peeling

La differenza tra peeling enzimatico, peeling chimico e fisico

Il peeling enzimatico si differenzia da quello chimico per diversi fattori: mentre l'enzimatico può essere utilizzato a casa in totale sicurezza, il peeling chimico deve essere effettuato esclusivamente dal dermatologo o medico estetico perchè prevede l'utilizzo di acidi come quello glicemico, salicilico, lattico e mandelico che rimuovono le cellule morte in profondità e potrebbero sensibilizzare la pelle. Inoltre, il peeling enzimatico prevede tempi di recupero lunghi perchè la pelle avrà un ricambio completo: in questo periodo è fondamentale evitare la luce del sole e idratare la pelle seguendo le istruzioni date dal medico. Il peeling fisico invece è ottenuto per mezzo della dermoabrasione che recentemente viene anche effettuata con il laser e anch'esso viene effettuato da professionisti. Il peeling enzimatico si differenzia però anche dallo scrub, un altro trattamento esfoliante che viene solitamente eseguito fai da te: lo scrub infatti ha un'azione meccanica di esfoliazione, che viene eseguita massaggiando il prodotto sul viso. I microgranuli contenuti all'interno, generalmente ricavati da chicchi di caffè, noccioli frantumati della frutta, sale e zucchero, vanno a esfoliare meccanicamente la pelle attraverso l'azione di sfregamento, mentre i peeling enzimatici sfruttano l'azione degli enzimi che agiscono sull'epidermide chimicamente.

Come si fa il peeling enzimatico

Utilizzare il peeling enzimatico è molto facile, ma prima di applicare il tuo prodotto dovrai aver deterso con cura la pelle, eliminando ogni traccia di make up e impurità. Dopo la detersione potrai applicare il tuo peeling sulla pelle: solitamente sono in crema o in gel e vanno massaggiati delicatamente sul viso, lasciando poi agire gli enzimi per 10 – 15 minuti prima di risciacquare con acqua fresca e procedere con la normale idratazione.

I migliori peeling enzimatici da provare

In commercio esistono differenti tipi di peeling enzimatici da provare. Tra i più celebri c'è il Blue Radiance Enzymatic Serum di Freshly, il siero esfoliante enzimatico delicato che mentre dormi, rinnova la pelle e rimuove le cellule morte per prevenire e ridurre brufoli, punti neri, comedoni e pori dilatati. Yo Glow Enzyme Scrub di Wishful è lo scrub enzimatico infuso con una combinazione di enzimi di ananas e papaia, BHA e AHA che donano alla pelle luminosità naturale. Papaya Enzyme Peel di Elemis invece rimuove delicatamente le cellule morte della pelle senza abrasioni. Arricchita con enzimi naturali di papaya e ananas, la formula di questa delicata crema purifica e protegge la pelle lasciandola liscia, rivitalizzata e luminosa. Scopri nella gallery tutti i peeling enzimatici da provare!

Quando non è indicato il peeling enzimatico

Il peeling enzimatico è un trattamento skincare che può essere effettuato da tutte le tipologie di pelle una o due volte la settimana e a differenza di altre tipologie di peeling non presenta solitamente controindicazioni. Gli unici casi in cui deve essere evitato è quando la cute non è integra e presenta piccoli tagli e ferite. È importante poi evitare di esporsi al sole per qualche giorno dopo aver effettuato il trattamento.

Vinoterapia: cos'è e i benefici del vino come trattamento per mente e corpo
Vinoterapia: cos'è e i benefici del vino come trattamento per mente e corpo
Guanto di crine, dall'azione esfoliante a quella anticellulite: cos'è e come usarlo
Guanto di crine, dall'azione esfoliante a quella anticellulite: cos'è e come usarlo
Peeling per ridurre rughe, smagliature e cicatrici sul volto: cosa sapere sul trattamento estetico
Peeling per ridurre rughe, smagliature e cicatrici sul volto: cosa sapere sul trattamento estetico
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni