750 CONDIVISIONI
ATP Wimbledon di tennis 2022
3 Luglio 2022
22:37

Sinner celebrato dalla standing ovation del centrale di Wimbledon: oggi è successo qualcosa

Jannik Sinner battendo Alcaraz negli ottavi di Wimbledon ha fatto una piccola impresa, e vincendo ha probabilmente fatto un grande salto di qualità. E gli spettatori di Wimbledon lo hanno apprezzato.
A cura di Alessio Morra
750 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
ATP Wimbledon di tennis 2022

Seccamente si può dire che Sinner raggiungendo i quarti di finale di Wimbledon ha ottenendo un grande traguardo, in effetti è così. A vent'anni giocherà per la terza volta un quarto in uno Slam, niente male – tre quarti in tre prove differenti su tre superfici diverse. A Wimbledon ha battuto Alcaraz e ora potrebbe sfidare il sei volte vincitore Djokovic. Ma questo successo ha qualcosa di diverso, qualcosa che va oltre il semplice risultato. Jannik forse sul Centrale di Wimbledon è riuscito a fare quel salto di qualità definitivo che tutti attendevano. E quello che è successo sul Centre Court più famoso del mondo al termine del match suggella una partita speciale.

Nella vita di ogni grande atleta c'è un momento in cui la carriera gira, c'è un click che arriva, lo spiegò bene Pat Rafter (ex numero 1 ATP). E il successo di Sinner con Alcaraz sembra far parte di questa casistica. Jannik sta vivendo un 2022 molto particolare, tanti alti e bassi, il cambio di team, via lo storico allenatore (Piatti) dopo gli Australian Open, l'arrivo di Vagnozzi, via i preparatori, ma gli infortuni sono proliferati; ora c'è un nuovo staff e soprattutto in panchina c'è Darren Cahill, allenatore di grande qualità e uomo molto pacato, che ha affermato: "Jannik ha grandi qualità, quelle dei grandi campioni". 

A Wimbledon si fa sempre sul serio, Sinner fa sul serio e il il suo torneo è stato splendido, la prova del nove era la partita con Alcaraz, vinta in quattro set, dopo aver vinto i primi due in modo strepitoso, con un dominio totale. Tutto affatto scontato, considerato che sull'erba fino a otto giorni fa non aveva mai vinto una partita. Il successo su Wawrinka è stato il primo su questa superficie, e oggi si parla già di uno Jannik erbivoro, con i correttivi di Cahill che è riuscito a fargli capire una serie di cose, perché i colpi l'italiano già li aveva.

La partita con Alcaraz poteva in un modo o nell'altro spaccare in due la sua stagione. Se avesse perso si sarebbe detto che era il solito Jannik che si ferma sul più bello, invece ha vinto e lo ha fatto contro un tennista che per molti può già ambire alla prima posizione ATP. Ma non è solo il successo a pesare, ma è importante il modo con cui ha vinto. Perché Sinner per due set non ha dato chance allo spagnolo, e quando è stato in difficoltà ne è venuto sempre fuori, oltre che con il carattere con dei colpi magnifici.

Un successo pesante che può far girare già adesso la carriera dell'italiano che dopo aver sconfitto Alcaraz potrebbe veder modificare in assoluto il suo status. E a Wimbledon in tanti uscendo dall'impianto hanno pensato che è nata una stella nel mondo del tennis. Sinner era felice quando ha vinto, ma non si aspettava una standing ovation, tanto straordinaria quanto inaspettata.

Sinner è rimasto stupito, il suo volto o meglio la sua espressione erano facilmente leggibili. E tutto ciò, vittoria e standing oviation, è arrivato in un giorno importante, quello in cui si è celebrato il centenario del Campo Centrale. Prima dell'inizio delle partite c'erano tanti campioni di oggi (Djokovic, Federer, Nadal, Halep, Venus Williams) e di ieri (Borg, Sharapova, Newcombe, Hewitt) e chissà che un giorno tra i campioni di Wimbledon non si possa aggiungere pure Jannik, che sta diventando un erbivoro.

750 CONDIVISIONI
143 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni