Valentino Rossi concluderà il campionato Mondiale della MotoGP 2021 e nella pausa estiva deciderà cosa fare in futuro. Da escludere quasi completamente l'ipotesi che il pilota Petronas possa ritirarsi a stagione in corso paventata nelle ultime ore a causa delle sue prestazioni non esaltanti in questo avvio di Mondiale. Il 42enne di Tavullia dopo i prossimi due round iridati (GP della Germania e GP d'Olanda) tirerà le somme e deciderà se continuare a correre nella classe regina del Motomondiale anche nel 2022 oppure propendere per il ritiro.

In ogni caso, appare altamente improbabile che il nove volte campione del mondo decida di terminare anticipatamente la sua carriera, lasciando quindi la MotoGP a stagione in corso. La sua decisione riguarda infatti la stagione 2022 (quando anche il suo team VR46 sbarcherà in top class), come lui stesso ha più volte sottolineato.

Per quanto i risultati ottenuti in questo avvio di stagione, la prima con la squadra satellite della Yamaha, non siano quelli sperati, stando alle informazioni in nostro possesso non vi sono possibilità che Valentino Rossi non onori il suo contratto annuale con il team Petronas (che scade dunque al termine del Mondiale 2021).

Diverso il discorso invece per quanto riguarda il 2022: durante la pausa estiva Valentino Rossi deciderà se allungare la sua carriera di un altro anno o se ritirarsi al termine della stagione. Qualora decidesse di continuare a correre, allora partiranno i colloqui con Petronas e Yamaha (che rimangono le prime scelte del nove volte campione del mondo) per capire se ci sono i margini per proseguire insieme per un'altra stagione. Una situazione per nulla facile da districare dunque, con tanti dubbi e pochissime certezze.