Grandi sorprese nella seconda sessione di prove libere del GP della Comunità Valenciana, ultimo appuntamento stagionale del Mondiale 2020 della MotoGP in programma a Portimao. A differenza della sessione mattutina, a brillare nelle FP2 sono le Ducati.

A piazzare il miglior tempo nelle prove libere 2 del GP del Portogallo è stato infatti Johann Zarco che in sella alla Ducati del team Avintia nel suo giro lanciato più veloce ha fermato il cronometro sull'1:39.417  precedendo lo spagnolo della Yamaha Maverick Vinales (2° a 119 millesimi di secondo dal tempo del francese) e all'alfiere dell'Aprilia (3°, +0.228).

Quarto tempo per Fabio Quartararo che con la sua Yamaha del team Petronas ha chiuso davanti  alla KTM di Brad Binde (5° a 280 millesimi dal leader) e il neocampione del mondo Joan Mir (6°, +0.315) sulla moto della squadra ufficiale. Settimo crono finale della sessione per il pilota della Ducati ufficiale Andrea Dovizioso che ha preceduto Pol Espargarò (8°) e Jack Miller (9°) sulla Desmosedici del Team Pramac. Chiude la top-10 Franco Morbidelli con l'altra Yamaha del team Petronas.

Fuori dalla top-10 nella classifica combinata delle prime due sessioni di prove libere sia Pecco Bagnaia che Danilo Petrucci che dunque, qualora le FP3 non dovessero disputarsi a causa della pioggia, sarebbero quindi tutti costretti a a sfidarsi nel Q1 delle qualifiche del sabato. Stessa sorte per Valentino Rossi che dopo la deludente prestazione nella prima sessione di prove libere, fa addirittura peggio in queste FP2 del GP del Portogallo.

Il 41enne di Tavullia a 20 minuti dal termine della sessione è stato infatti costretto a rientrare mestamente a piedi nel suo box dopo esser caduto alla Curva 4 per la chiusura dell'anteriore e poi finito nella ghiaia con la sua M1. Dopo il 19° tempo nelle FP1, dunque si chiude nel peggiore dei modi il primo giorno del suo ultimo week end di MotoGP con la squadra ufficiale della Yamaha dato che dopo esser ripartito con la seconda moto non è riuscito ad andare oltre il 21° crono della sessione.