15 Marzo 2020
20:21

Maverick Vinales, video Instagram dopo l’incidente: le condizioni del Top Gun Yamaha

Il pilota spagnolo che dal 2017 divide il box con Valentino Rossi parla dopo il ricovero in ospedale in seguito all’infortunio rimediato in un allenamento con la moto da cross: “Serviranno due settimane per recuperare ma sto bene”.
A cura di Valeria Aiello
Maverick Vinales, 25 anni / Getty
Maverick Vinales, 25 anni / Getty

Maverick Vinales sta bene, anche se serviranno “due settimane intere” per recuperare. Lo ha detto il pilota della Yamaha MotoGP in un video messaggio con cui ha voluto rassicurare sulle sue condizioni di salute.

L'incidente in allenamento con la moto da cross

Giovedì scorso, durante un allenamento con la moto da cross, lo spagnolo si è infortunato, finendo in ospedale per gli opportuni controlli. Esami che, fortunatamente, hanno escluso fratture e gravi lesioni, anche se i medici hanno preferito tenerlo una notte in osservazione. La notizia dell’incidente era stata diffusa dal team Yamaha attraverso una nota pubblicata sui social, senza però specificare la dinamica dell’incidente, né quali fossero i “motivi precauzionali” che hanno portato gli specialisti a trattenerlo in ospedale. Nei giorni precedenti, Maverick aveva condiviso alcuni scatti dopo gli allenamenti sul tracciato di motocross Del Barguedà, a Olvan, vicino a Barcellona, ma non è noto se, quella che si sospetta sia stata una caduta, sia avvenuta sulla stessa pista.

Maverick Vinales, video Instagram dopo il ricovero

Lasciato l’ospedale, Vinales ha pubblicato un breve aggiornamento, spiegando che saranno necessarie due settimane complete per ritrovare la piena forma fisica. “Ciao ragazzi – dice il Top Gun in un video su Instagram – , sono tornato a casa e, per fortuna, sto bene. Adesso avrò bisogno di due settimane intere per recuperare, quindi vi terrò aggiornati. Grazie per i messaggi e per tutto il supporto”.

Nessun dettaglio su eventuali contusioni o altro genere di lesioni che, in ogni caso, necessiteranno di un recupero di 14 giorni. Con il round di apertura della stagione 2020 che, dopo la cancellazione del GP del Qatar per la sola classe regina e rinvii delle tappe in Tailandia, Usa e Argentina a causa dell’emergenza Coronavirus (qui gli aggiornamenti in tempo reale e le ultime notizie sulla situazione in Italia e nel mondo) è slittato al GP di Spagna previsto sul circuito di Jerez nel weekend del 3 maggio (il nuovo calendario 2020), il portacolori della Yamaha avrà tutto il tempo per tornare al 100% prima della gara inaugurale della MotoGP.

Inverno a Doha per lo spagnolo in squadra con Valentino Rossi

Vinales, 25 anni, ha trascorso parte dell’inverno a Doha, in Qatar, dove ha deciso di trasferirsi con l’opportunità di potersi allenare in moto sulla pista di Losail. Sempre a Doha, ha inoltre iniziato a collaborare con l’Aspire Academy nell’ambito di un programma di allenamento con i coach della struttura qatariota. “Lavoriamo sotto diversi aspetti – spiegava poco prima di Natale – , sia a livello fisico sia mentale, ed ho già riscontrato dei miglioramenti. Ad esempio, adesso riesco a mantenere meglio la calma nei momenti difficili, non solo nello sport, ma anche nella vita di tutti i giorni”.

Dopo un inizio di stagione complicato come quello del 2019, Vinales era riuscito a ritrovare costanza di risultati solo nella seconda metà campionato, complice una Yamaha che nella prima parte del Mondiale ha sofferto un importante gap rispetto alle rivali Honda e Ducati. Un’annata faticosa e probabilmente lontana da quelle che erano le sue aspirazioni, conclusa con 2 vittorie (Assen e Sepang) e altri 5 podi per un totale di 211 punti che gli sono valsi il 3° posto in campionato ma un ritardo di ben 209 lunghezze dall’iridato Marc Marquez. Tra gli aspetti che lo hanno maggiormente penalizzato, le difficoltà avute in partenza e nelle prime fasi di gara che hanno fatto da contraltare alla grande velocità mostrata in qualifica (3 pole – Qatar, Misano e Phillip Island – e altre 6 prime file nel 2019).

Dal suo debutto in MotoGP, nel 2015 con la Suzuki, Vinales ha conquistato 7 vittorie, una in sella alla GSX-RR e sei con la YZR-M1, completando la sua miglior annata nel 2017, la sua stagione di esordio in Yamaha, 3° in campionato con 230 punti, 3 vittorie, 7 podi e 5 pole. Dal suo esordio nel Motomondiale, nel 2011 in sella all’Aprilia, lo spagnolo ha disputato 158 gare, conquistando il titolo iridato Moto3 nel 2013 e assicurandosi complessivamente 23 vittorie, 20 pole e 1985 punti iridati. Con il contratto con la Yamaha che sarebbe andato in scadenza alla fine del 2020, Maverick ha deciso il suo futuro prima ancora dei test invernali di questa stagione, annunciando la firma del suo rinnovo fino alla fine del 2022. Un comunicato che, a stretto giro di posta, è stato seguito da quello relativo al suo compagno di squadra che dal 2021 sarà il francese Fabio Quartararo.

Gino Rea lotta tra la vita e la morte dopo il terribile incidente nella 8 Ore di Suzuka: è in coma
Gino Rea lotta tra la vita e la morte dopo il terribile incidente nella 8 Ore di Suzuka: è in coma
Griglia di partenza MotoGP GP Gran Bretagna, Zarco in pole dopo le qualifiche: Vinales 2°, Quartararo 4°
Griglia di partenza MotoGP GP Gran Bretagna, Zarco in pole dopo le qualifiche: Vinales 2°, Quartararo 4°
Grave incidente per Gino Rea nella curva che fu fatale a Kato: è in condizioni drammatiche
Grave incidente per Gino Rea nella curva che fu fatale a Kato: è in condizioni drammatiche
Classifica piloti
Classifica costruttori
Pos.
Pilota
Team
Punti
1
F. Quartararo Yamaha
Yamaha
278
2
F. Bagnaia Ducati
Ducati
252
3
J. Mir Suzuki
Suzuki
208
4
J. Miller Ducati
Ducati
181
5
J. Zarco Ducati
Ducati
173
Pos.
Team
Punti
1
Ducati
357
2
Yamaha
309
3
Suzuki
240
4
Honda
214
5
Ktm
205
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni