258 CONDIVISIONI
26 Settembre 2021
16:42

Leclerc rosso di rabbia a Sochi: “C’è stata una discussione, oggi non mi è piaciuto niente”

Delusissimo e arrabbiatissimo Charles Leclerc al termine del GP di Russia di Formula 1. Il pilota della Ferrari ha visto andare in fumo una gran rimonta nei giri finali a causa del mancato cambio-gomme all’arrivo della pioggia sul circuito di Sochi. Un azzardo che però sembra essere figlio del clima teso che c’è all’interno della scuderia di Maranello: “C’è stata una discussione. Non volevo creare casini, ma poi era troppo tardi. Non vedo niente di positivo nella gara di oggi”.
A cura di Michele Mazzeo
258 CONDIVISIONI

Grande delusione per Charles Leclerc al termine del GP di Russia. Il pilota della Ferrari, non essendo rientrato ai box per montare le gomme intermedie all'arrivo della pioggia sul circuito di Sochi, ha visto andare in fumo la sua gara che, dopo una gran rimonta (partiva 19°), nei giri finali lo vedeva in lotta addirittura per il podio. Quello che sembrava un azzardo, restare fuori con gomme da asciutto sperando che l'intensità della pioggia diminuisse, non ha dunque pagato come accaduto a Lando Norris che, dopo esser stato in testa per quasi tutta la gara, ha pagato a caro prezzo la decisione di non rientrare ai box per montare le gomme più idonee a quella condizione di pista.

Sembra però esserci una grande differenza tra quanto deciso dal giovane britannico, che si è rifiutato di rientrare al box dopo l'ordine impartito dalla McLaren, e quanto fatto invece da Charles Leclerc, "costretto" a non effettuare il pit-stop per non peggiorare ulteriormente il clima già teso all'interno della scuderia di Maranello (come dimostra lalite con Mattia Binotto nel paddock a Monza). A svelare il motivo del mancato cambio-gomme è stato lo stesso pilota monegasco visibilmente contrariato al termine della gara di Sochi:

"C’è stata una discussione – ha infatti detto Leclerc hai microfoni di Sky Sport spiegando perché non si è fermato ai box per montare le gomme intermedie –, quando Carlos (Sainz, ndr) è rientrato non volevo creare casini rientrando allo stesso giro dato che lo stavo superando e ci saremmo trovati con due macchine insieme al box.  Al giro dopo era già troppo tardi. Ho provato a continuare ma già lì era persa la gara. Oggi – ha poi aggiunto un arrabbiatissimo monegasco – non mi piace niente, non sono contento. La power unit nuova ci ha aiutato come team, ma dopo una gara così finire dove sono finito è una cosa che mi dispiace tanto. Non è bello. Bravo Carlos, per il team sono contento, è finito davanti alla McLaren, ma dal mio lato – ha infine concluso il driver della Ferrari evidentemente amareggiato per quanto avvenuto in pista a Sochi – non vedo niente di positivo".

258 CONDIVISIONI
La Ferrari svela il bluff a fine Mondiale: "Non abbiamo mai sviluppato la SF21"
La Ferrari svela il bluff a fine Mondiale: "Non abbiamo mai sviluppato la SF21"
Tra Spalletti e Tudor vola una parola di troppo: sfiorato lo scontro fisico nel tunnel
Tra Spalletti e Tudor vola una parola di troppo: sfiorato lo scontro fisico nel tunnel
Animi caldi in Brasile dopo la rimonta di Hamilton nella Sprint Race: "Fot****vi tutti"
Animi caldi in Brasile dopo la rimonta di Hamilton nella Sprint Race: "Fot****vi tutti"
Classifica piloti
Classifica costruttori
Pos.
Pilota
Team
Punti
1
L. Hamilton Mercedes
Mercedes
370
2
M. Verstappen Aston Martin Red Bull Racing
Aston Martin Red Bull Racing
370
3
V. Bottas Mercedes
Mercedes
218
4
S. Pérez
190
5
C. Leclerc Ferrari
Ferrari
158
Pos.
Team
Punti
1
Mercedes
587
2
Aston martin red bull racing
559
3
Ferrari
307
4
McLaren
269
5
Alpine
149
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni