È morto Sir Stirling Moss, un mito dell'automobilismo britannico, tra i piloti di Formula 1 più amati dal pubblico del Regno Unito, per tanti il più grande pilota a non aver mai vinto un titolo mondiale. Si è spento all'età di 90 anni dopo una lunga malattia, nella sua casa nel quartiere Mayfair a Londra. Ne ha dato conferma la moglie Susie, al suo fianco anche negli ultimi istanti della sua vita.

"È morto come ha vissuto, sembrando meraviglioso. Ormai era semplicemente stanco. Ha chiuso i suoi bellissimi occhi ed è finita così".

Stirling Moss è stato un personaggio iconico dell'automobilismo britannico e internazionale. Estremamente versatile: ha corso in svariate specialità, vincendo 212 delle 529 gare disputate tra tutte le categorie, trionfando anche nella Mille Miglia. Non è mai riuscito a vincere un mondiale di Formula 1 nonostante per anni sia stato tra i piloti più competitivi, come testimoniano i quattro secondi posti e i tre terzi posti nelle sette stagioni tra il 1955 e il 1961. All'attivo ha 16 gran premi vinti, un bottino che non rende giustizia alla sua classe e al suo percorso nella massima categoria. È il pilota che ha vinto più gare di Formula 1 senza essere riuscito a vincere un mondiale.

La sua carriera automobilistica ad alti livelli si chiuse nel 1962, quando fu costretto al ritiro dalle corse dopo un incidente nel ‘Festival della velocità' di Goodwood che lo lasciò in coma per circa un mese e successivamente paralizzato per sei mesi. È stato un personaggio talmente caratterizzante da dare vita ad un modo di dire molto popolare nel Regno Unito, utilizzato dai poliziotti nei casi di eccesso di velocità: ‘Ma chi ti credi di essere, Stirling Moss?‘ è l'invito rivolto ancora oggi agli automobilisti con il piede pesante. Il modo in cui Sir Stirling Moss continuerà a vivere nelle sue strade.