4.072 CONDIVISIONI
1 Agosto 2022
12:10

Binotto incalzato dalle domande scomode di Vanzini, duro scontro in Ungheria: “Fammi finire”

Nel dopo-gara del GP d’Ungheria va in scena un confronto aperto in diretta TV tra Mattia Binotto, team principal della Ferrari, e Carlo Vanzini, che insiste nel chiedere chiarimenti sulla strategia della Rossa, poco convinto dalle spiegazioni offerte.
A cura di Alessio Morra
4.072 CONDIVISIONI

Il GP d'Ungheria doveva essere quello del rilancio Ferrari, ma si è chiuso con una batosta. Un risultato pesante, perché Leclerc e Sainz sembravano avere le carte in regola per vincere e invece non sono saliti nemmeno sul podio e hanno visto trionfare Verstappen che ora ha un margine talmente enorme in classifica che resterebbe al comando pur ritirandosi tre volte di fila e con Leclerc sempre vincitore. Max ha messo le mani sul titolo prima della pausa estiva e soprattutto la Ferrari finisce dietro la lavagna, per usare un'espressione antica, per una strategia incomprensibile ai danni di Leclerc. L'ennesimo errore dagli strateghi della rossa, che si ritrova ancora una volta a leccarsi le ferite per qualcosa non imputabile ad altri. Non si può dire che era un Mondiale alla portata, ma già adesso i rimpianti sono enormi.

Dopo la gara sono arrivate le ironie di Hamilton e Verstappen nel retro podio, e il tweet pepato di Lapo Elkann, oltre a infinite critiche per la strategia scelta per Leclerc. Mattia Binotto, team principal della Ferrari, si è presentato in TV e ha provato a difendere la strategia dicendo che il passo delle due vetture non era quello dei giorni migliori, parole smentite velocemente dallo stesso Leclerc, che comunque al momento della sosta bis – quella in cui in modo inopinato sono state scelte le gomme bianche – era al comando.

Leclerc stava disputando una gara splendida, in modo meraviglioso aveva superato Russell e se n'era andato in fuga. Un margine di 6 secondi che pareva rassicurante, ma tutto cambia quando Verstappen fa l'undercut, con cui beffa Sainz e Russell. La Ferrari si mette paura e copre, ma lo fa malissimo. Perché Leclerc torna in pista da leader, ma con le gomme bianche, che si dimostrano una scelta fortemente sbagliata. Charles chiude addirittura sesto, l'ultimo dei primi, dietro pure a Sergio Perez, che è stato autore di un weekend assai deludente.

Mattia Binotto in diretta TV a Sky con Davide Valsecchi e Federica Masolin.
Mattia Binotto in diretta TV a Sky con Davide Valsecchi e Federica Masolin.

Dopo la gara non si è fatto altre che commentare e in modo negativo la strategia della Ferrari. Questo è stato anche l'argomento principale del post-gara di Sky. Mattia Binotto, chiamato a spiegare in diretta le decisioni prese durante la gara, prova a difendere le scelte della Ferrari. Lo fa sottolineando che il problema vero era il passo non competitivo per le condizioni della pista e ha ricordato che Sainz, che aveva la stessa strategia di Hamilton, non è riuscito a finire in modo così brillante la gara (Lewis è passato dal 5° al 2° posto a suon di giri record nel finale).

Il numero uno del team chiude il suo discorso dicendo: "Quando una macchina non funziona puoi mettere la gomma che vuoi, ma non funziona. Se la macchina ci fosse stata non saremmo stati qui a parlare di scelte di gomme".

 

Quelle parole di Binotto, che non sono confutate fino in fondo dalla realtà dei dati, non convincono Carlo Vanzini, voce della Formula 1 di Sky, che sceglie la strada del confronto aperto con il numero uno della Ferrari. I toni sono sempre molto pacati, ma il dibattito è acceso. Perché Vanzini fa il suo mestiere e argomenta lecite perplessità, sottolineando che a parità di gomme la Ferrari numero 16 viaggiava benissimo, con Leclerc saldamente al comando: "Scusami Mattia, ma Leclerc all’inizio andava con gomma gialla e guadagnava su quelli dietro". E Binotto replica: "Quando è rientrato sulle gialle la differenza di passo era quella della vita delle gomme, non di più. Charles è andato meglio di Carlos, ma non avevamo il respiro necessario".

Spiegazione che non basta a Vanzini, che va dritto al punto: "Però con la strategia giusta Leclerc arrivava secondo, di quello parlavamo". Binotto replica stizzito: "Mi fa piacere che ti focalizzi sulla strategia. Fammi finire, Carlo – dice poi chiedendo di non essere interrotto –. Le gomme non hanno funzionato perché la macchina non ha funzionato". E il telecronista Sky argomenta nuovamente le proprie perplessità: "Ci avevano detto che qui non avremmo visto le gomme bianche perché scivolavano troppo". Binotto, messo alle strette, chiude il confronto cercando di riportare il sereno e spiegando, allo stesso tempo, la sua posizione: "Rispetto il tuo punto di vista – dice rivolto a Vanzini –, ma oggi da team principal della Ferrari analizzo prima la prestazione della macchina e poi la strategia. Perché penso che il problema sia stato nella prestazione della macchina".

4.072 CONDIVISIONI
Tra Tudor e Camoranesi a Marsiglia è durata una settimana: duro scontro davanti ai giocatori
Tra Tudor e Camoranesi a Marsiglia è durata una settimana: duro scontro davanti ai giocatori
F1 GP Francia 2022, il programma del gran premio: date, orari, circuito
F1 GP Francia 2022, il programma del gran premio: date, orari, circuito
GP Ungheria a forte rischio temporali, meteo disastroso: il programma può essere stravolto
GP Ungheria a forte rischio temporali, meteo disastroso: il programma può essere stravolto
Classifica piloti
Classifica costruttori
Pos.
Pilota
Team
Punti
1
M. Verstappen Red Bull
Red Bull
258
2
C. Leclerc Ferrari
Ferrari
178
3
S. Pérez Red Bull
Red Bull
173
4
G. Russell Mercedes
Mercedes
158
5
C. Sainz Ferrari
Ferrari
156
Pos.
Team
Punti
1
Red Bull
431
2
Ferrari
334
3
Mercedes
304
4
Alpine
99
5
McLaren
95
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni