125 CONDIVISIONI
21 Luglio 2022
18:49

Vingegaard nuovo re del Tour: “Stamattina ho detto a mia moglie e mia figlia ‘Vincerò per voi'”

Jonas Vingegaard è il leader della classifica del Tour de France dopo aver vinto la tappa numero 18. Un successo netto, di forza, raggiunto con la consapevolezza di dover rispettare anche una promessa speciale fatta prima della gara.
A cura di Fabrizio Rinelli
125 CONDIVISIONI

Jonas Vingegaard in solitaria al traguardo nell'ultimo arrivo in salita di questa edizione del Tour de France è l'immagine che praticamente consegna nelle mani del danese la Grande Boucle 2022. Il ciclista della Jumbo Visma ha blindato la sua leadership vincendo in solitaria la 18a tappa da Lourdes ad Hautacam, di 143,5km. Un successo caratterizzato dal grande gesto di fair play dello stesso Vingegaard nei confronti del suo rivale, Tadej Pogacar, vincitore delle ultime due edizioni, che le ha provate tutte per attaccarlo fino ad arrendersi chiudendo secondo con un distacco in classifica di tre minuti.

Il campione sloveno, nella discesa pericolosa dal Col de Spandelles, a una trentina di chilometri dal traguardo, è caduto perdendo subito molto terreno rispetto a Vingegaard che però ha frenato aspettando il rivale, che lo ha ringraziato stringendogli la mano prima di tornare a darsi battaglia in strada. Un'immagine da copertina per la bellezza dello sport e anche della grandezza del danese che si è rivelato protagonista indiscusso di questo Tour. Manca solo l'ultima tappa con arrivo a Parigi per concludere un'edizione da sogno per lui. Vingegaard a fine gara non è riuscito a trattenere l'emozione e ha parlato di un discorso fatto a sua moglie e a sua figlia proprio alla vigilia di questa 18esima tappa.

Vingegaard ha compiuto delle imprese totali in salita, staccando tutti. Nessuno è riuscito a tenere più il suo passo, nemmeno Pobacar che si è dovuto arrendere al suo strapotere fisico e mentale dimostrando di essere in modo netto ed eclatante il più forte. E lo sapeva probabilmente già prima di questa tappa che avrebbe fatto bene oggi, in quella che è stata a tutti gli effetti l'ultimo passaggio prima della gloria assoluto a Parigi. Al termine della gara Jonas Vingegaard si è lasciato andare e ha rivelato un discorso fatto alla sua famiglia: "Questa mattina ho detto a mia moglie e mia figlia che volevo vincere per loro – ha spiegato con voce tremante e grande emozione – L'ho fatto, è fantastico. Sono stato felice che fosse finita perché è stato incredibilmente difficile oggi. Mancano ancora 2 giorni, dobbiamo rimanere concentrati".

E la promessa è stata mantenuta con tanto di gesto di fair play che ha avvalorato il suo successo che ha assunto un valore ancora più importante. La vittoria del Tour sembra infatti essere ormai in tasca. Ciò che lo attende è solo il trionfo a Parigi tra la folle che attende il nuovo campione del Tour de France dopo i successi di Pogacar. Lo sloveno ha forse capito che mai come quest'anno c'era sulla strada un rivale forte, rabbioso, agonisticamente concentrato che nella 18a tappa ha dato dimostrazione assoluto di riuscire a dominare un tracciato che non ha dato respiro tra lunghe salite e discese ripide e pericolose. Ma Vingegaard è stato spinto dalla sua grande voglia di vincere, di non deludere la sua famiglia e andarsi a prendere ciò che ha sempre desiderato: una maglia gialla che attende solo di essere indossata…

125 CONDIVISIONI
Finale US Open, Ruud-Alcaraz: orario e dove vedere in diretta TV la partita di tennis
Finale US Open, Ruud-Alcaraz: orario e dove vedere in diretta TV la partita di tennis
Il tennis ha un nuovo re, Alcaraz batte Ruud, vince gli US Open e diventa numero 1 a 19 anni
Il tennis ha un nuovo re, Alcaraz batte Ruud, vince gli US Open e diventa numero 1 a 19 anni
Il dramma familiare di Insigne a Toronto: la moglie incinta al sesto mese ha perso il bambino
Il dramma familiare di Insigne a Toronto: la moglie incinta al sesto mese ha perso il bambino
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni