21 Luglio 2022
16:03

Doppia caduta tremenda al Tour de France, la colpa è di due moto: cacciate dalla corsa

Al Tour de France un incidente tremendo ha coinvolto Jack Bauer della BikeExchange-Jayco e Nils Eekhoff, ciclista che corre per il Team DSM. All’inizio della tappa 18 sono caduti a causa della manovra sbagliata di due moto cacciate dalla corsa.
A cura di Fabrizio Rinelli

Una strada piccola e stretta, due moto, un auto e due biciclette a velocità sostenuta: non è la trama di un film ma l'autentico scenario di un incidente accaduto durante la tappa 18 del Tour de France. Poteva succedere di tutto in quei brevi ma intensi frangenti di inizio gara in cui i due corridori si sono trovati nella morsa di due moto e dell'ammiraglia che di colpo ha frenato. Protagonisti di questa disavventura sono stati Jack Bauer della BikeExchange-Jayco e Nils Eekhoff, ciclista che corre per il Team DSM.

L’impatto di Bauer con l’ammiraglia.
L’impatto di Bauer con l’ammiraglia.

Un'incredibile caduta causata da terzi poteva provocargli diversi danni e invece c'è stato fortunatamente solo tanto spavento e rabbia per una collisione che si poteva tranquillamente evitare. Erano le fasi iniziali della 18esima tappa del Tour e Bauer era intento ad inseguire il gruppo sperando di non perdere la testa.

Tutti erano scattati a ripetizione per provare la fuga di giornata mentre il neozelandese era rimasto più distaccato, in coda al gruppo rimanendo di colpo imbottigliato nel traffico delle ammiraglie. È bastato un attimo per trovarsi a terra per l'ennesimo incidente di questo Tour. Per le due moto colpevoli dell'incidente è arrivato il fermo. Sono state immediatamente cacciate via dalla direzione di gara che le ha ritenute responsabili uniche di questo incidente.

Le immagini mostrano Bauer trovarsi di fronte uno scenario inaspettato: una moto appartenente ai media francesi alla sua sinistra e l'auto della UAE Team Emirates davanti. Quest'ultima all'improvviso si inchioda e Bauer non riesce a controllare la sua velocità franando sulla parte posteriore della vettura.

Inevitabile l'impatto. La macchina però si era dovuta fermare a causa di un'altra caduta che pochi secondi prima aveva visto protagonista Eekhoff rimasto anche lui preda nella morsa di uno spazio ridotto dopo l'inserimento di un'altra moto che tentava di superarlo alla sua sinistra. Entrambi i ciclisti finiscono a terra. Incredibile la dinamica di Bauer che si è trovato la via di fuga chiusa da una moto di un fotografo ed è così andato a sbattere contro l’ammiraglia.

Eekhoff finito a terra dopo un’altra caduta precedente causata da una moto in corsa che ha costretto l’ammiraglia alla frenata improvvisa.
Eekhoff finito a terra dopo un’altra caduta precedente causata da una moto in corsa che ha costretto l’ammiraglia alla frenata improvvisa.

Fortunatamente per lui nulla di grave. L'ennesima caduta pericolosa al Tour de France dopo la paura per l'incredibile incidente a catena che ha visto Kevin Vermaerke avere la peggio su tutti dopo essere stato travolto dall'intero gruppo in un tratto in salita. Di incidenti con l'ammiraglia invece sicuramente ci ricordiamo tutti quello recente, relativo all'edizione 2021 del Giro d'Italia in cui nella salita finale, il corridore della Deceuninck-Quick Step, Pieter Serry, era stato letteralmente investito da una ammiraglia che non si è avveduta del belga davanti a pochi metri. Nel caso di Bauer l'impatto con l'ammiraglia è stato sulla parte posteriore ma il ciclista è comunque stato in grado di rimettersi in sella e ripartire.

Berrettini e Djokovic si esaltano in doppio davanti a Federer:
Berrettini e Djokovic si esaltano in doppio davanti a Federer: "Ci siamo parlati in italiano"
Doppia tragedia nel motociclismo italiano: morti in gara due piloti di 16 e 27 anni
Doppia tragedia nel motociclismo italiano: morti in gara due piloti di 16 e 27 anni
De Zerbi trova subito un nemico in Inghilterra:
De Zerbi trova subito un nemico in Inghilterra: "Due ore su Google e si è informato sul Brighton"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni