Certi amori non finiscono mai, fanno dei giri immensi e poi ritornano. Come quello tra Matias Vecino e il Napoli. Il centrocampista dell'Inter, attualmente infortunato e pronto ad essere disponibile tra un paio di mesi, sembra essere ormai a un passo dall'azzurro. In uscita dai nerazzurri, nonostante la grande stima e riconoscenza che nutre in lui la società e gli stessi tifosi, in virtù soprattutto degli ultimi gol decisivi delle recenti stagioni, ora può davvero finire in Campania. Per un corteggiamento serrato che De Laurentiis gli ha riservato per quasi 5 anni, praticamente da quando già Maurizio Sarri lo aveva chiesto dopo averlo avuto all'Empoli nell'anno in cui Zielinski e Hysai si erano fatti conoscere in Serie A.

Ora come ora le parti sono vicinissime sulla base di un prestito con diritto di riscatto che diventa obbligo al raggiungimento di determinati obiettivi. Ecco, proprio sul riscatto si sta discutendo: l'Inter chiede 18 milioni, mentre il Napoli resta fermo a 12 ma l'impressione è che si possa giungere ad un accordo a breve. Il giocatore ha già dato il suo parere positivo al trasferimento in azzurro.

Vecino pronto a vestire la maglia dell'Inter

È entrata ufficialmente nel vivo la trattativa che vede Matias Vecino e il Napoli sempre più vicini. Il club azzurro sta definendo i dettagli dell'accordo con l'Inter. L'uruguaiano avrebbe già dato il suo parere positivo al trasferimento per un affare che si sarebbe potuto concretizzare già 5 anni fa. Nel 2015 infatti dichiarò: "È vero, il Napoli mi ha cercato, ma volevo la Fiorentina".

Il giocatore è stato infatti a lungo chiesto da Maurizio Sarri quando sedeva sulla panchina azzurra, ma poi i costi eccessivi e soprattutto la volontà dell'Inter di Spalletti in rosa, ha prevalso sul Napoli. Oggi Vecino può davvero definirsi a un passo dal vestire la maglia azzurra e mettersi a disposizione di Gattuso che nutre una profonda stima nei suoi confronti e aspetta solo che si rimetta dopo l'infortunio.