9 Settembre 2022
15:59

Tweet polemico durante l’intervallo e scoppia il caso: il calciatore racconta la (sua) verità

Episodio molto curioso nel massimo campionato del Messico, con il nazionale Salcedo costretto poi a spiegare quello che è successo. Ha preso provvedimenti esemplari.
A cura di Marco Beltrami

Siamo ormai da tempo abituati ai post dei calciatori sui social. Dai messaggi d'incoraggiamento prima di una partita, ai commenti sulla stessa, dalle celebrazioni ai messaggi motivazionali, fino anche agli sfoghi e alle polemiche. Quello che rappresenta decisamente una sorpresa è leggere invece un tweet sul profilo ufficiale di un giocatore quando questo è impegnato in campo in una partita. È quello che è successo nel massimo campionato messicano, dando il la ad una serie di polemiche infinite.

Il match in questione è quello tra León e Juárez, valido per la 13a giornata della Liga MX. La sfida è stata contraddistinta dalle veementi lamentele degli ospiti per l'arbitraggio di Jorge Camacho. Quest'ultimo durante i primi 45 minuti di gioco ha tirato fuori cinque cartellini gialli e uno rosso, per il difensore ospite Alberto Acosta. Il giocatore è stato punito con una doppia ammonizione in 6′, con i replay che lo hanno scagionato in occasione di uno dei due provvedimenti. Non solo il suo intervento non era da giallo, ma non era forse nemmeno falloso.

Il post pubblicato sul profilo di Salcedo
Il post pubblicato sul profilo di Salcedo

I giocatori dello Juárez si sono indispettiti, e sono tornati negli spogliatoi chiedendo spiegazioni all'arbitro. La cosa più curiosa però è successa durante l'intervallo: sull'account ufficiale di uno dei giocatori più rappresentativi, ovvero il nazionale messicano, Carlos Salcedo, è spuntato un messaggio polemico. Questo il contenuto, chiaramente a sottolineare l'operato del direttore di gara: "Buona Liga con questi arbitri! Vogliono essere i protagonisti della scena, bene!!!". Il cinguettio è diventato subito virale, sollevando un polverone sui social prima di venire cancellato.

Salcedo dal canto suo ha vissuto un secondo tempo da incubo, commettendo il grave errore che ha portato al gol di Lucas Di Yorio per la vittoria del León. Al termine della gara, il difensore è stato stuzzicato sul tweet, e ha chiarito di non saperne nulla. La colpa? Del responsabile della gestione dei suoi social: "Alla fine della partita stavo facendo il bagno, mi stavo mettendo del ghiaccio e ho preso come sempre il telefono per vedere se fosse successo qualcosa alla mia famiglia, se stavano bene. E ora tocca a me eliminare il tweet. Come ho detto al mio community manager: è stato un errore, ho parlato con lui e ovviamente ho agito in merito".

Dopo la chiacchierata con ESPN, Salcedo ha chiarito ulteriormente l'accaduto con un lungo messaggio sui suoi profili social: "Durante il partita tra il mio club Juárez e León, è stato postato un tweet dal mio account personale durante l'intervallo, ed è stato successivamente cancellato. È importante chiarire che questo tweet non è stato fatto da me. A causa di questa violazione della fiducia, insieme a mia moglie, e al mio agente a cui abbiamo deciso di separare il community manager dal mio gruppo di lavoro. Da calciatore professionista il tweet sarebbe una mancanza di rispetto per il Direttore Tecnico, la dirigenza, i miei compagni di squadra e i miei tifosi. Pubblicare qualcosa all'intervallo, nel momento in cui siamo tutti concentrati per ottenere un buon risultato".

Quel che non si è visto durante Qatar-Ecuador: desolante fuga dallo stadio all'intervallo
Quel che non si è visto durante Qatar-Ecuador: desolante fuga dallo stadio all'intervallo
Il caso Greco è chiuso, selfie e stop alle polemiche con il telecronista:
Il caso Greco è chiuso, selfie e stop alle polemiche con il telecronista: "Tutti possono sbagliare"
Il video di Renard che ribalta lo spogliatoio dell'Arabia Saudita all'intervallo: adrenalina pura
Il video di Renard che ribalta lo spogliatoio dell'Arabia Saudita all'intervallo: adrenalina pura
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni