268 CONDIVISIONI

Pioli e la dirigenza del Milan faccia a faccia fuori dallo spogliatoio: la decisione sull’esonero

Pioli a confronto con la dirigenza del Milan fuori dallo spogliatoio dopo la sconfitta contro il Borussia Dortmund in Champions League: la decisione sull’esonero del tecnico rossonero.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Sport Fanpage.it
A cura di Vito Lamorte
268 CONDIVISIONI
Immagine

"Ho parlato con i dirigenti? Sì sì, ne abbiamo parlato nei corridoi come facciamo sempre dopo le partite". Così Stefano Pioli si è espresso nella conferenza stampa dopo la sconfitta che il Milan ha rimediato col Borussia Dortmund e che ha ridotto al lumicino le speranze di superare il turno in Champions League.  

Adesso i rossoneri non dipendono più solo dal loro risultato. Si respirava un aria pesante a San Siro dopo il 3-1 subito dai tedeschi e il malcontento era molto evidente da parte di buona parte dello stadio. Il principale indiziato per il rendimento della squadra è Pioli ma, ad oggi, non ci sono segnali di esonero immediato perché l'obiettivo del Milan è arrivare tra le prime 4 in campionato e perché mancano alternative ‘vere' a disposizione sul mercato in questo momento. Allo stesso tempo, però, ma dirigenza è molto scontenta per i risultati della squadra e soprattutto per la gestione fisica che è martoriata dagli infortuni dall'inizio della stagione. Ultimo quello di Thiaw arrivato contro il BVB.

Immagine

Il tecnico di Parma ha parlato di un confronto nei corridoi dello stadio come avviene dopo tutte le partite, ma la sua risposta è stata abbastanza lapidaria: i vertici non sono contenti di quanto si è visto in questi primi mesi di annata e l'ambiente intorno alla squadra è sempre più pesante.

Anche Pioli si è accorto di questa situazione e lo ha menzionato sempre nella conferenza stampa: "Fin quando la squadra ha dimostrato di poter vincere la partita i tifosi sono stati con noi. È giusto che i tifosi siano delusi, noi abbiamo il dovere di fare meglio".

Immagine

Gerry Cardinale era allo stadio e non è rimasto soddisfatto di quello che ha visto: se alla prova di ieri si aggiungono anche i risultati altalenanti delle ultime settimane, la situazione non è per niente rosea in casa Milan.

Ora i rossoneri dovranno andare a vincere a Newcastle e sperare nel successo del Borussia Dortmund contro il PSG per passare il turno e evitare di chiudere ai gironi la propria esperienza in Champions dopo essere stati semifinalisti lo scorso anno. È probabile che nelle prossime ore possa esserci un altro confronto tra Pioli e vertici per capire in che modo rimettere sui binari la squadra. La stagione è ancora lunga ma alcuni risultati possono incidere a breve e a lungo termine. Al Milan sono tutti sotto osservazione. Nessuno escluso.

268 CONDIVISIONI
Lopetegui può diventare l'allenatore del Milan dopo Pioli: rossoneri convinti dai suoi metodi
Lopetegui può diventare l'allenatore del Milan dopo Pioli: rossoneri convinti dai suoi metodi
Pioli elenca le sue favorite per la vittoria dell'Europa League: non c'è il Milan, ma l'Atalanta
Pioli elenca le sue favorite per la vittoria dell'Europa League: non c'è il Milan, ma l'Atalanta
Il Milan avrà un nuovo rigorista, Giroud declassato: Pioli sceglie tra Leao e Pulisic
Il Milan avrà un nuovo rigorista, Giroud declassato: Pioli sceglie tra Leao e Pulisic
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views