La Juventus vista in campo ieri sera in Champions League contro la Dinamo Kiev, ha dato l'impressione di essersi scrollata di dosso i dubbi tattici che trasparivano nel gioco mostrato dopo i primi impegni. Pirlo doveva avere il tempo di rendersi conto di come gestire la squadra e farla giocare al meglio secondo le proprie caratteristiche. Dal 3-5-2 al 3-4-2 passando per il 4-2-3-1 e il 4-4-2, i bianconeri avevano bisogno di sperimentare più moduli per trovare il sistema giusto. Il gol di Chiesa e la prestazione maiuscola dell'attaccante bianconero arrivato nell'ultimo giorno di mercato dalla Fiorentina, dimostra quanto Pirlo abbia voluto insistere su di lui.

Nel 4-4-2 visto contro gli ucraini, Chiesa ha giocato a tutta fascia sulla destra dimostrando di essere tornato in gran forma dopo gli acciacchi delle ultime settimane. Il gol, l'assist e quella voglia di correre nello spazio che tanto piace a Pirlo, avranno fatto pensare al tecnico bianconero che forse l'ex Fiorentina sarebbe utile anche in un ipotetico tridente. Proprio come accaduto a Firenze con Iachini in alcune occasioni, ma soprattutto con Pioli. Con o senza Dybala, Cristiano Ronaldo e Morata hanno trovato un altro compagno di reparto.

Il possibile tridente della Juventus con Chiesa

Si è parlato tanto di questa possibilità di vedere Federico Chiesa nel tridente offensivo della Juventus dopo la grande prestazione contro la Dinamo Kiev. Il ruolo a tutta fascia che gli ha affidato ieri Pirlo nel 4-4-2 partendo da esterno di centrocampo, in realtà nascondeva dei precisi compiti dell'ex Fiorentina in fase offensiva, quasi a doversi piazzare in un tridente con Morata e Cristiano Ronaldo. Con Ramsey, McKennie e Bentancur a formare poi la linea mediana, Chiesa è sembrato libero e a suo agio in quella posizione di campo.

Nella scorsa stagione, con la maglia della Fiorentina, aveva giocato in un 3-4-3 nel tridente offensivo con Ribery e Cutrone contro il Bologna. Risultato? 4-0 per la Viola e tripletta di Chiesa. Nel 4-3-3 Chiesa ha giocato in due o tre occasioni nella passata stagione. Nel 2018/2019, Chiesa era stato impiegato più volte nel tridente offensivo della Fiorentina con Stefano Pioli in panchina. In quel ruolo, fino all'addio dell'attuale tecnico del Milan, Chiesa aveva segnato la bellezza di 12 gol tra campionato e Coppa Italia in cui spicca anche un tripletta contro il Chievo. Con o senza Dybala, Pirlo ha un'arma in più da sfruttare.