Dries Mertens resta al Napoli? A Gattuso verrà rinnovata la fiducia e prolungato il contratto che, formalmente, permette a entrambe le parti di dirsi addio a fine campionato? Il direttore sportivo dei partenopei, Cristiano Giuntoli, affronta entrambe gli argomenti sul tavolo a cominciare dalla trattativa con l'attaccante belga che è in scadenza e a giugno può liberarsi a parametro zero.

Tra le parti c'è ancora un po' di distanza a livello economico, non sembra incolmabile ma il pressing di altre società (in particolare dell'Inter) potrebbe spingere il giocatore e il club a dirsi addio qualora non si raggiunga un'intesa pienamente soddisfacente. C'è uno spiraglio ancora? Sì ed è determinato dalla volontà stessa del giocatore di restare nel Golfo.

Siamo in contatto con i rappresentanti di Dries, la speranza è quella che rimanga – ha ammesso il diesse nell'intervista ai microfoni di DAZN -. Mertens sa bene che questa è casa sua, ha dato tanto a questa maglia e sarà lui a decidere se andare oppure restare. Qualunque decisione prenderà noi dovremo rispettarlo. Se dovesse restare saremo molto contenti di ricominciare da lui.

Dalla questione Mertens a quella dell'allenatore. Gattuso è vincolato al Napoli da una formula contrattuale particolare per effetto della quale potrebbe liberarsi (o essere liberato) dall'impegno coi partenopei. Lo ha ribadito lui stesso nel corso della conferenza stampa prima della sfida con il Torino dichiarandosi molto contento della scelta fatta e dell'opportunità di guidare una squadra "molto forte". Cosa fa "ringhio", lascia o raddoppia? Ecco la riposta del diesse Giuntoli.

Siamo molto contenti del lavoro che Gattuso sta svolgendo – ha aggiunto il direttore sportivo del Napoli -. In questo momento non stiamo pensando al futuro, stiamo pensando al presente perché ci stiamo giocando molto. Siamo ancora in lotta in tutte le competizioni ed è giusto pensare a questo ma, ripeto, siamo soddisfatti del tecnico.