Dopo Juan Cuadrado, la Juventus recupera un altro calciatore che era stato costretto alla quarantena a causa del contagio. È Matthijs de Ligt che, come comunicato dal club in una nota ufficiale, è risultato negativo ai test molecolari da effettuare in base alla profilassi e al protocollo e potrà finalmente aggregarsi al resto della squadra in ritiro. I bianconeri recuperano un'altra pedina importante in vista dei prossimi impegni, a cominciare proprio dalla gara contro il Bologna. Se giocherà o meno lo valuterà Pirlo, intanto torna a disposizione e verrà convocato.

Matthijs de Ligt ha effettuato, come da protocollo, 2 controlli con test molecolare (tampone) per Covid-19 con esito negativo. Il giocatore pertanto guarito e non più sottoposto al regime di isolamento raggiungerà in serata la squadra nel ritiro del J|Hotel e sarà incluso nell’elenco dei convocati per la gara di domani.

La stagione di Matthijs de Ligt tra infortuni e Covid

L'ex centrale dell'Ajax era risultato positivo l'8 gennaio scorso subito dopo Alex Sandro (che non ha ancora superato il contagio) e contestualmente a Cuadrado. Più ombre che luci in stagione per il difensore olandese a causa di problemi fisici che ne hanno limitato presenze in campo e il rendimento. Matthijs de Ligt ha saltato tutta la parte iniziale del campionato: Pirlo lo ha avuto in gruppo a partire dall'ottava giornata in occasione della gara contro il Cagliari.

Nove le sfide giocate in Serie A, l'ultima contro il Milan che risale al 6 gennaio scorso due giorni prima della positività al Covid. Sassuolo e Inter i match persi a causa del contagio. Solo tre le presenze in Champions a causa del problema alla spalla, in buona sostanza è tornato a disposizione per la seconda parte della fase a gironi giocando contro Ferencváros, Dinamo Kiev e soprattutto nel big match del Camp Nou contro il Barcellona (battuto 3-0).