217 CONDIVISIONI
Diego Armando Maradona morto a 60 anni
4 Dicembre 2020
17:16

Maradona curato con caramelle per effetto placebo: la chat tra psichiatra e infermiera

Caramelle per aiutarlo a dormire perché Maradona non riusciva a prendere sonno. È quanto emerge dalla chat WhatsApp acquisita agli atti dalla Procura di San Isidro nell’ambito dell’inchiesta sulla morte dell’ex Pibe. Si tratta delle conversazioni tra l’infermiera, Dahiana Madrid, e la psichiatra, Agustina Cosachov, per cercare di stabilire se ci sia stata negligenza nell’assistenza all’ex campione.
A cura di Maurizio De Santis
217 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Diego Armando Maradona morto a 60 anni

Pillole per riuscire a dormire. Maradona ne chiedeva spesso. Ne aveva bisogno perché non riusciva a riposare. Ma non poteva prenderne altre, squilibrando la terapia che gli era stata prescritta. Ecco perché l'infermiera aveva chiesto alla psichiatra se fosse possibile procurargli qualcosa di blando anche "una caramella", qualcosa che gli facesse da placebo e lo tranquillizzasse.

Non gli bastavano gli ansiolitici e quant'altro assumeva per aiutarlo a sopportare quei demoni che lo hanno accompagnato per tutta la vita lasciandogli addosso – fin dentro l'anima – i segni delle dipendenze, degli abusi e degli eccessi a causa dei quali aveva già rischiato di morire. Prendeva psicofarmaci da tempo, per lui erano vitali come bere un bicchiere d'acqua e più dell'aria che respirava. Senza quelle compresse avrebbe fatto fatica a tenere a freno il lato oscuro della forza che aveva fatto inciampare anche un fuoriclasse come lui. Senza quei cachet gli sarebbe stato difficile anche solo accettarsi per com'è stato, per com'era diventato.

Il dialogo su WhatsApp tra infermiera e psichiatra

Nella chat su WhatsApp tra l'infermiera, Dahiana Madrid, e la psichiatra, Agustina Cosachov, c'è anche questo scambio di battute che gli inquirenti hanno messo agli atti per definire cosa accadeva nella casa dell'ex Pibe de Oro e soprattutto se gli era assicurata quell'assistenza medica necessarie per aiutare a ristabilire un soggetto nelle sue condizioni di salute. La sequenza del dialogo è stata acquisita agli atti e resa pubblica da tn.com.ar che ricostruisce il botta e risposta di quel momento.

  • Infermiera: "Non puoi prescrivere qualcosa che gli faccia da placebo?"
  • Psichiatra: "Sì, sì… lo pensavo anch'io. Cosa chiedi adesso?"
  • Infermiera: "Anche se è qualche caramella… qualcosa"
  • Psichiatra: "Sì, sì, abbiamo qualcosa con noi…"

Diego era stato operato alla testa per la rimozione di un edema subdurale e, dopo qualche giorno di degenza trascorso nella Clinica Olivos, era stato trasferito nella residenza di San Andrés dopo il 25 novembre sarebbe morto. Anche questo è un aspetto sotto la lente della Procura di San Isidro che ha aperto un'inchiesta prefigurando quale ipotesi di reato omicidio colposo e abbandono di persona. Tra gli indagati ci sono il neurochirurgo, Leopoldo Luque, e la dottoressa Cosachov (entrambi hanno subito perquisizioni in casa e negli uffici privati su disposizione della magistratura).

Quanto alla posizione dell'infermiera, ad alimentare la zona d'ombra sul suo ruolo, sulle consegne ricevute, su dove fosse nel giorno in cui Maradona è morto e cosa stesse facendo è stato il suo avvocato Rodolfo Baqué: "Le era stato ordinato di non controllare i segni vitali di Maradona", le parole del legale che forniscono una versione contrastante rispetto alle prime dichiarazioni della donna che – nelle ore immediatamente successive al decesso – spiegò di averlo sentito alzarsi in stanza e andare al bagno.

217 CONDIVISIONI
326 contenuti su questa storia
La lettera di Maurizio De Giovanni in ricordo di Diego Armando Maradona
La lettera di Maurizio De Giovanni in ricordo di Diego Armando Maradona
Live is life, la statua di Maradona infiamma il "Maradona" prima di Napoli-Lazio
Live is life, la statua di Maradona infiamma il "Maradona" prima di Napoli-Lazio
La statua di Maradona allo Stadio di Napoli domani non ci sarà più, manca ancora un'autorizzazione
La statua di Maradona allo Stadio di Napoli domani non ci sarà più, manca ancora un'autorizzazione
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni