Lorenzo Pellegrini lascia la Nazionale. Non può giocare gli Europei, si ferma sul più bello. Nell'immediata vigilia della partita inaugurale contro la Turchia deve prendere tutto, rabbia, maglia, scarpette, ambizioni e chiuderle a forza nella valigia. L'infortunio muscolare alla coscia sinistra lo ha bloccato di nuovo, strappandogli la possibilità di indossare la maglia azzurra. Lo aveva fermato nel derby contro la Lazio di metà maggio e per lui un campanello d'allarme. Fece una smorfia ed ebbe sentore che da quel dolorino non sarebbe guarito abbastanza in fretta. E quando in allenamento lo avvertito di nuovo ha capito che sarebbe finita lì.

L'esito degli esami strumentali ha solo ribadito quanto aveva già immaginato: deve tornare a casa, non c'è possibilità di restare aggregato al gruppo sperando nella guarigione. Non può rischiare Mancini, che ha già rinunciato a Sensi (al suo posto è stato convocato Pessina) e attende che Verratti sia pienamente recuperato dall'infortunio al ginocchio. Non può permetterselo lo stesso giocatore, in previsione di una stagione (la prossima) che potrebbe addirittura non rivederlo in Serie A. A ribadire la notizia filtrata in mattinata è stato lo stesso calciatore attraverso un messaggio pubblicato su Instagram.

Purtroppo questo maledetto problema alla coscia non mi permetterà di giocare questo europeo. L’amarezza in questo momento è molta… ma è proprio ora che bisogna stringersi ancora di più e fare il tifo per questo gruppo fantastico di uomini veri che di sicuro darà l’anima ogni partita dall’inizio alla fine. Io ci credo. Forza ragazzi, Forza Italia. Tutti insieme.

È Gaetano Castrovilli il calciatore che la Nazionale ha selezionato per colmare il vuoto apertosi a centrocampo. La Federazione aveva già chiesto alla Uefa di poter inserire – come da regolamento – il nome del sostituto nella lista dei 26 calciatori attualmente in ritiro.