L'Inter con un gol di Lukaku al 119′ batte la Fiorentina e si qualifica per i quarti di finale di Coppa Italia, in cui affronterà il Milan. Partita bella, tesa, equilibratissima e decisa dal bomber belga che con un potente colpo di testa ha battuto Terracciano poco prima dei calci di rigore. A segno anche Vidal e Kouamé.

Rigore di Vidal

Moderato turnover per i due allenatori. Vlahovic parte dalla panchina e in avanti ci sono Eysseric e Kouame. Conte invece imposta Eriksen regista e affianca Sanchez a Lautaro. Si gioca in un orario vecchio stile pure per la Coppa Italia, calcio d'inizio nel primo pomeriggio. I ritmi sono blandi. A gennaio, e non siamo nemmeno a metà, le due squadre hanno disputato già tre partite e domenica prossima entrambe avranno un avversario importante (il Napoli per i viola, la Juve per i nerazzurri). Nel primo tempo l'Inter fa la partita, ma non crea molto. Il finale è incandescente. Sanchez entra in area e calcia in porta, mentre lo fa viene toccato da Terracciano che lo stende. L'arbitro non assegna il rigore in un primo momento, ma poi lo decreta dopo aver visto tutto al VAR. Dal dischetto Vidal trasforma e realizza il primo gol da interista, è il 38′. Tempo tre minuti e Massa assegna un rigore alla Fiorentina, ma questa volta il VAR dice che il fallo di Skiriniar su Kouamé non c'é.

Pari di Kouamé

Nel secondo tempo Lautaro ha subito una grande chance, ma la manca. La Fiorentina scampato il pericolo trova il pareggio con un gol molto bello di Kouamé, che non segnava dal 26 settembre (proprio ai nerazzurri). L'1-1 dà fiato alla squadra di casa che cerca inizialmente il gol del sorpasso, ma poi è costretta ad abbassarsi e a difendersi perché Conte manda in campo Brozovic, Lukaku e Hakimi che va a un passo dal 2-1. Poi entra pure Barella. La Fiorentina senza fatica e con un grande Castrovilli tiene testa all'Inter e allunga la partita ai supplementari.

Gol di Lukaku al 119′, Inter ai quarti

L'Inter nell'extra time sembra averne di più e ha una palla gol eccezionale al 102′, l'azione è splendida, Sanchez di testa colpisce, Terracciano c'è. La stanchezza poi prevale e i rigori sembrano la soluzione definitiva ma prima c'è il tempo per una super parata di Terracciano che d'istinto dice no a Lukaku che al 119′ con uno splendido colpo di testa potentissimo segna il gol qualificazione. E ora c'è il derby di Coppa con il Milan.