3.736 CONDIVISIONI
9 Febbraio 2021
23:06

Agnelli contro Conte al fischio finale di Juve-Inter: “Cogl***e”

L’esultanza rabbiosa di Andrea Agnelli e l’alterco con Antonio Conte è l’ultimo fotogramma della semifinale di ritorno di Coppa Italia tra Juventus e Inter. Cosa dice? Dall’interpretazione del labiale sembra urlare: “Zitto cog***ne”. Ma nella ricostruzione della frase scandita in quei momenti aggiunge: “Mettilo nel c*** il dito co****ne”.
A cura di Maurizio De Santis
3.736 CONDIVISIONI
 

L'esultanza rabbiosa di Andrea Agnelli è l'ultimo fotogramma della semifinale di ritorno di Coppa Italia tra Juventus e Inter. Il pareggio per 0-0 (in virtù della vittoria per 2-1 a San Siro) basta ai bianconeri per accedere al big match per il trofeo. Non sono sfuggiti alla telecamere e agli spettatori a casa le parole urlate dal massimo dirigente mentre abbandona il proprio posto in tribuna. Parole durissime nei confronti dell'ex tecnico bianconero, oggi all'Inter, Antonio Conte.

La ricostruzione dell'alterco tra Conte e Agnelli

"Vaffa***** e sta zitto". Ecco quanto emerge dalla ricostruzione dei fatti compiuta poco dopo il triplice fischio dell'arbitro, quando tra i dettagli a corredo della partita prendono il sopravvento la tensione e qualche gestaccio tra campo e tribuna avvenuti nel corso dell'incontro. Alla fine del primo tempo ci sarebbe stato già un duro scambio tra le parti: come gettare benzina sul fuoco deflagrato a fine match. Secondo la versione della Juve, l'allenatore nerazzurro avrebbe insultato il presidente e lo staff bianconero con un gestaccio alla fine del primo tempo.

Cosa dice Agnelli a Conte al fischio finale

Il presidente Agnelli compie qualche passo, percorre la scalinata, rallenta, indugia qualche attimo e gira di scatto la testa. La Juventus è in finale e quando urla quegli insulti lo fa togliendo il sassolino dalla scarpa e scagliandolo contro l'ex tecnico. Ha il viso corrucciato, volta lo sguardo verso il basso e poi si lascia sfuggire qualche parola di troppo assieme alla quale lascia scorrere anche l'adrenalina e la tensione per il match.

La frase: "Mettilo nel c*** il dito cogl***e"

Cosa dice? Dall'interpretazione del labiale sembra pronunciare: "Zitto cogl***e". È la prima versione che alimenta subito il tam tam sui social, in particolare dei tifosi bianconeri che non hanno mai perdonato a Conte il modo in cui lasciò la squadra e poi il trasferimento all'Inter. Ma nella frase scandita sembra dire anche dell'altro: "Mettilo nel c***il dito cogl***e". Cosa ha spinto il numero uno della ‘vecchia signora' a lasciarsi andare in quel modo? È la reazione a quanto avvenuto durante l'incontro anche in occasione dell'azione di Lautaro Martinez che aveva suscitato le proteste di Conte. In quel frangente era stato Bonucci ad avere un battibecco con l'ex tecnico. "Devi rispettare l'arbitro", la frase urlata dal difensore al mister che si sbracciava e si lamentava con il quarto uomo.

La replica di Conte: "Serve più sportività e rispetto"

"Sportività e rispetto". È la replica di Antonio Conte che, durante le interviste, non affronta direttamente la questione ma non si sottrae a fornire la propria versione dei fatti ribaltando la narrazione della provocazione fatta nei confronti dell'ex massimo dirigente. "Le fonti della Juventus dovrebbero dire la verità, penso che il quarto uomo abbia sentito e visto cosa è successo per tutta la partita – ha aggiunto ai microfoni Rai Sport – Bisognerebbe essere più educati".

3.736 CONDIVISIONI
"Fanno i regali a chi non ne ha bisogno": il veleno sull'Inter
"Fanno i regali a chi non ne ha bisogno": il veleno sull'Inter
"Via per divergenze sul progetto tecnico", così l'Inter ha liquidato Antonio Conte
"Via per divergenze sul progetto tecnico", così l'Inter ha liquidato Antonio Conte
Sampdoria - Inter 2-2 Risultato finale Serie A 2021/2022, gol di Dimarco, Lautaro, Yoshida e Augello
Sampdoria - Inter 2-2 Risultato finale Serie A 2021/2022, gol di Dimarco, Lautaro, Yoshida e Augello
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni