Dopo la Juventus di Andrea Pirlo, anche Lazio sogna l'accesso agli ottavi di finale di Champions League. Per la formazione biancoceleste, tornata nell'Europa che conta dopo una lunga attesa, il passaggio alla fase successiva con un turno d’anticipo rimane infatti un traguardo possibile: soprattutto se Immobile e compagni usciranno indenni dalla trasferta in Germania contro il Borussia, sfida in programma mercoledì sera, alle ore 21.00, a Dortmund.

Le combinazioni per la qualificazione

La classifica del gruppo F, vede infatti la Lazio al secondo posto a 8 punti e ad una sola lunghezza dal BVB di Lucien Favre. Alle spalle dei romani, però, c'è anche il Bruges che gioca con il fanalino di coda Zenit e che può sperare in una clamorosa qualificazione agli ottavi, al termine della due partite rimanenti del gruppo. La squadra di Simone Inzaghi dovrà dunque non perdere in Germania e tenere sotto controllo la partita dell'undici belga. Come ricordato dal sito dell'Uefa, la Lazio potrà a questo punto qualificarsi già dopo la prossima partita se batte il Borussia Dortmund, oppure se il Bruges perde contro lo Zenit o se entrambe le partite terminano in parità.

Il rischio di uno scontro diretto all'ultima giornata

La classifica mette infatti la formazione campione del Belgio in una posizione scomoda, con tre combinazioni a sfavore e una forte possibilità di chiudere la fase ai gironi al terzo posto e dunque con l'ingresso in Europa League. Qualora la Lazio dovesse invece perdere in Germania e il Bruges vincere con i russi, tutti i discorsi per la qualificazione verrebbero rimandati al prossimo 8 dicembre e allo scontro diretto tra le due squadre allo stadio Olimpico. Un altro dettaglio da tenere in considerazione è infine il passaggio agli ottavi da prima del girone. Due vittorie nelle ultime due gare, darebbero infatti ai biancocelesti di chiudere la fase iniziale davanti a tutti e partecipare al sorteggio evitando le formazioni sulla carta più temibili.