Il tecnico dell'Inter, Antonio Conte, ha parlato davanti alle telecamere di Sky Sport al termine della gara contro il Borussia M’Gladbach vinta 3-2 in casa dei tedeschi. Una vittoria che ha consentito ai nerazzurri di giocarsi la qualificazione agli ottavi di finale di Champions League contro lo Shakhtar nell'ultimo turno della fase a gironi. "Se non sei una squadra sotto tutti i punti di vista non vieni qui a vincere" ha detto il tecnico nerazzurro che ha elogiato tutta la squadra e si è dimostrato carico in vista della prossima sfida.

Ha voluto mettere in evidenza gli aspetti tattici della partita evidenziando le qualità di una squadra che ha nei singoli la propria forza e che oggi ha dimostrato anche di essere squadra ancor di più che nelle altre partite. "Abbiamo affrontato la squadra migliore del nostro girone" ha proseguito l'allenatore dell'Inter che si è detto pronto a voler rivedere ancora in campo la sua squadra con questo atteggiamento cattivo e determinato.

La carica di Conte dopo la sfida contro il Borussia

"Siamo ancora vivi e questa è la cosa più importante". Antonio Conte non si è nascosto al termine della sfida contro il Borussia M'Gladbach e ha mostrato tutta la sua carica in vista della sfida contro lo Shakhtar che potrà decidere la qualificazione dei nerazzurri agli ottavi di finale di Champions League. "Quando hanno voglia di aiutarsi e di essere squadra diventiamo forti – ha detto ConteQuello che io chiedo è una cresciuta di responsabilità da parte di tutti, solo così possiamo puntare a qualcosa di ambizioso. Vogliamo rendere orgogliosi i nostri tifosi".

Per quanto riguarda i singoli, Conte ha avuto parole importanti nei confronti del centrocampo nerazzuro: "Brozovic con quella scivolata al termine della partita ha dimostrato la sua forza specie quando ci mette la ‘garra'. Gagliardini è invece affidabilissimo". Ma il tecnico nerazzurro non ha dimenticato Barella che ha anche rischiato di uscire per un problema al polpaccio al termine dei primi 45′: "È cresciuto tanto – ha proseguito Conte – sta facendo molto bene ed è compito mio farlo crescere". 

Poi la chiosa su Darmian che ha segnato il primo gol della gara contro l Borussia, quello che ha sbloccato la partita: "Sono contento per lui, un giocatore che può dare anche la possibilità di crescere ad Hakimi".