Ronald Koeman non ha apprezzato la direzione di gara di Tobias Stieler nella partita della Champions League 2020/2021 tra Barcellona e Juventus e lo ha fatto sapere al diretto interessato al termine della gara. L'allenatore olandese del Barça al termine dei 90′ si è avvicinato a Stieler mentre stava uscendo e in lingua inglese gli ha detto: "Hai buoni amici in Italia". Le telecamere Movistar + hanno immortalato il momento in cui l'ex commissario tecnico oranje si è avvicinato al direttore di gara dopo il fischio finale. Con queste parole Koeman ha insinuato che l'arbitro avesse dato una mano ai bianconeri a vincere l'ultima gara del girone G e a conquistare il primo posto del gruppo. I media spagnoli non escludono che l'UEFA possa indagare sulle dichiarazioni dell'olandese.

L'arbitro tedesco al Camp Nou ha fischiato due calci di rigore per la Juventus: il primo per un fallo lieve di Ronald Araujo su Cristiano Ronaldo e il secondo per un tocco di mano di Clément Lenglet. Complessivamente la sua prova è stata buona.

Koeman è stato protagonista di un ‘incidente diplomatico' con alcuni giocatori della panchina della Juventus, che avevano protestato per mancato secondo cartellino giallo a Lenglet dopo il fallo di mano in area: l'allenatore del Barça in conferenza stampa ha fatto riferimento all'accaduto e ha affermato "che è iniziata la discussione perché chiedere cartellini ad un giocatore avversario non rientra nella mia filosofia sportiva".

Intanto, la situazione di Ronald Koeman non sembra essere più così saldo al comando dei suoi uomini. Secondo quanto riporta il quotidiano catalano SPORT, molto vicino all'ambiente Barcellona, al tecnico non viene rimproverato il suo modo di porsi così come accaduto con Quique Setien ma molti aspetti della sua filosofia calcistica non sono molto apprezzati da buona parte dello spogliatoio e le voci critiche del suo disegno tattico aumentano con il passare dei giorni.