188 CONDIVISIONI
17 Giugno 2021
13:28

Kjaer rivive il dramma Eriksen: “Uno shock che porterò sempre con me”

Simon Kjaer sabato scorso è stato fondamentale per l’amico Eriksen. Il calciatore del Milan e della nazionale della Danimarca sui social ha parlato per la prima volta di ciò che è accaduto durante Danimarca-Finlandia dicendo: “Sono stati giorni molto speciali. Ho vissuto uno shock che sarà in me per sempre! L’unica cosa che conta e che conta è che Christian stia bene!! Giocheremo per lui”.
A cura di Alessio Morra
188 CONDIVISIONI

Quello che hanno vissuto in campo sabato scorso i calciatori della Danimarca non lo dimenticheranno mai. In particolare Simon Kjaer che è stato determinante nell'aiutare l'amico di lunga data Christian Eriksen. Il difensore del Milan ha evitato che il numero 10 inghiottesse la lingua ed è stato il primo a fargli il messaggio cardiaco, successivamente ha confortato la moglie Sabrine. Eriksen quando è uscito dal campo aveva riaperto gli occhi e stava meglio, Kjaer però ha pagato la tensione e ha chiesto di non rientrare in campo con la Finlandia. Perché stremato. Ufficialmente è in dubbio pure per la partita con il Belgio della seconda giornata, ma intanto sui social ha voluto farsi sentire per la prima volta da quel sabato.

In campo con Christian nel cuore e nella mente

Il roccioso centrale danese ha parlato di questi ultimi giorni e ha scritto che mai dimenticherà ciò che ha vissuto. Ma adesso l'unica cosa importante è rappresentata dalla salute di Eriksen che darà a tutti la forza per giocare le restanti gare della fase a gironi, contro Belgio e Russia:

Sono stati giorni molto speciali in cui il calcio non è stato la cosa più importante. Uno shock che sarà presente in me – e in tutti noi – per sempre! L'unica cosa che conta è che Christian stia bene!! Sono orgoglioso di come abbiamo agito come squadra e di come siamo stati uniti in questo periodo difficile. Sono commosso e profondamente grato per il supporto. Andiamo in campo contro il Belgio con Christian nel cuore e nella mente. Ci dà una calma che ci permette di concentrarci sul calcio. Giochiamo per Christian, e giochiamo come sempre per tutta la Danimarca. Questa è la motivazione più grande che possiamo ottenere. Come sempre: facciamo del nostro meglio.

188 CONDIVISIONI
L'ultimo discorso di Zinchenko ai compagni del City è commozione pura: anche Guardiola non resiste
L'ultimo discorso di Zinchenko ai compagni del City è commozione pura: anche Guardiola non resiste
Il dramma del capitano del Galles di rugby, demenza a soli 41 anni:
Il dramma del capitano del Galles di rugby, demenza a soli 41 anni: "Il mio mondo cade a pezzi"
Il retroscena su De Ketelaere al Milan, tutto stava per saltare:
Il retroscena su De Ketelaere al Milan, tutto stava per saltare: "Se lo volete, dovete spingere"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni