Lacerazione della capsula del ginocchio sinistro. La diagnosi del dottor Hans-Wilhelm Müller-Wohlfahrt conferma le brutte sensazioni avute al momento dell'infortunio di Kinglsey Coman, incappato nell'ennesimo (grave) incidente della carriera. L'articolazione verrà immobilizzata per un po', quanto ai tempi di recupero al momento è difficile fornire un lasso temporale preciso. Ed è la cosa peggiore, per il Bayern Monaco e per il calciatore che s'è fatto male da solo durante l'ultima partita del girone di Champions contro il Tottenham. E quasi sembra che la malasorte si diverta in maniera sadica a colpirlo. L'ex giocatore di Psg e Juventus aveva assaporato la gioia del gol, siglando il vantaggio con una prodezza tecnica e balistica apprezzabile.

Come si è fatto male Coman: è inciampato da solo

Era il 14simo, dieci minuti dopo, nel tentativo di recuperare palla sulla fascia, il ginocchio ha avuto una torsione impropria e il calciatore è crollato dolorante sul rettangolo verde. L'immagine mette i brividi: l'articolazione, forse eccessivamente sollecitata per lo squilibrio del peso e per il piede che poggia male, sembra collassare su se stessa. Si piega all'indietro, quasi si spezza. E quando Coman cade e urla, si teme il peggio. Viene soccorso dai compagni squadra, dallo staff medico e poi accompagnato a braccia nello spogliatoio: zoppica vistosamente ed è preoccupato.

È il terzo infortunio molto grave nel giro di un paio di anni

Che le sue condizioni possano essere gravi lo testimoniava anche la comunicazione ufficiale del tecnico, Hans-Dieter Flick. "L'infortunio di Kingsley Coman in parte smorza la soddisfazione per la vittoria – ha ammesso l'allenatore dei bavaresi -. Non sappiamo ancora quanto sia grave, sta facendo degli accertamenti in questo momento". Qualche ora dopo è arrivato il responso del medico sociale del club durissimo da accettare dopo i due infortuni altrettanto gravi capitati nel 2017/2018 e nel 2018/2019 quando la rottura del legamento sindesmotico della caviglia lo ha tenuto lontano dai campi a lungo.