2 Novembre 2021
11:45

Italia senza Verratti e Pessina contro la Svizzera, Mancini si gioca la sorpresa a centrocampo

Manca ormai soltanto una decina di giorni all’appuntamento decisivo per l’Italia contro la Svizzera: all’Olimpico di Roma venerdì 12 novembre servirà vincere per qualificarsi ai Mondiali del 2022 in Qatar. Un match cui Roberto Mancini arriva con due assenze pesanti a centrocampo: pronta la mossa a sorpresa, un giocatore mai convocato prima.
A cura di Paolo Fiorenza

Crisi Juve, sogno Napoli, cavalcata Milan, l'Inter c'è: ok il campionato, ma da lunedì prossimo tutto il campanilismo italico dovrà essere messo in standby per una decina di giorni. La pausa delle Nazionali stavolta coincide per l'Italia con due appuntamenti decisivi, che riportano alla mente spiacevoli ricordi di quattro anni fa: a San Siro contro la Svezia andò in scena lo psicodramma nazionale della mancata qualificazione ai Mondiali del 2018.

L'obiettivo adesso per gli azzurri si chiama Qatar 2022 e per centrarlo serve battere la Svizzera – con cui sono appaiati in classifica – venerdì 12 novembre all'Olimpico di Roma: in quel caso per i ragazzi di Mancini sarà quasi fatta, dovendo poi soltanto conservare il vantaggio di punti o eventualmente differenza reti (ora è +2 rispetto agli elvetici) nell'ultimo turno di lunedì 15 che prevede Irlanda del Nord-Italia e Svizzera-Bulgaria. Un pareggio ci lascerebbe appaiati ed ancora leggermente avanti per quei due gol di vantaggio nella differenza reti, ma con l'incognita del match dell'ultima giornata che sembra meno complicato per la Svizzera.

Nella gara dell'Olimpico, Mancini dovrà fare a meno di un pilastro del centrocampo: la lesione all'anca di Marco Verratti lo taglia fuori dalla sfida decisiva. Contro la Svizzera mancherà tuttavia un altro elemento prezioso nello stesso reparto, ovvero Matteo Pessina, a sua volta fermo ai box per un infortunio alla coscia. Il terzetto titolare della mediana dovrebbe dunque vedere Locatelli – più che Pellegrini – a completare la linea con gli intoccabili Jorginho e Barella, ma il CT dovrà comunque riempiere il vuoto venutosi a creare nella rosa dei convocati.

Oltre a Tonali, all'ultimo giro lasciato a disposizione dell'Under 21, il nome nuovo – mai selezionato prima, sarebbe l'80simo della gestione Mancini – è quello di Tommaso Pobega. Il 22enne triestino, in prestito secco dal Milan al Torino, è una delle proposte migliori del campionato dopo le prime 11 giornate, un punto fermo ormai per Juric. Secondo la Gazzetta dello Sport, Pobega nella lista dei papabili sarebbe avanti ad un altro emergente come Davide Frattesi del Sassuolo. Ne sapremo di più nel fine settimana, quando il CT comunicherà la trentina di nomi convocati per i due match di Roma e Belfast.

Due calciatori di Serie B in Nazionale: i nomi a sorpresa di Mancini per l'Italia
Due calciatori di Serie B in Nazionale: i nomi a sorpresa di Mancini per l'Italia
Perché l'Italia non gioca nonostante la sosta del campionato per le nazionali
Perché l'Italia non gioca nonostante la sosta del campionato per le nazionali
Joao Pedro convocato in Nazionale da Mancini, è fatta: "Si merita la maglia azzurra"
Joao Pedro convocato in Nazionale da Mancini, è fatta: "Si merita la maglia azzurra"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni