"Ho sentito la caviglia girarsi". Le parole che Cristiano Ronaldo mormora mentre lascia il campo dopo l'infortunio gelano il sangue a Pirlo e ai tifosi della Juventus. È il 31° del secondo tempo, i bianconeri sembrano in controllo del match e quando l'ex stella del Real Madrid alza bandiera bianca, accomodandosi in panchina facendo una smorfia di disappunto, è solo la prima delle brutte notizie. L'altra arriverà nel finale: complice un errore in fase di disimpegno, Caicedo acciufferà il pareggio in extremis per la Lazio.

Le parole di CR7 a Pirlo mentre esce dal campo

Pirlo mastica amaro, ha il viso corrucciato e sa che l'occasione sfumata dell'Olimpico è un passo falso pesante. Più ancora, però, è preoccupato dalle condizioni del cinque volte Pallone d'Oro. L'espressione di CR7 è emblematica, quella dell'allenatore altrettanto quando vede passare dinanzi a sé il portoghese. Le immagini raccolte dalle telecamere raccontano anche il breve conciliabolo tra allenatore e giocatore: CR7 alza il piede destro, punta l'indice verso la caviglia, china il capo e mormora qualcosa dopo il colpo incassato nel contrasto con Luis Alberto.

Come si è fatto male Cristiano Ronaldo

Nel silenzio dello stadio il sonoro riesce a catturare cosa dice Ronaldo in quegli attimi… la frase alimenta un po' d'ansia quando rivela che ha avvertito la torsione impropria dell'articolazione. "Ho sentito la caviglia girarsi", ripete il portoghese che nel primo tempo aveva rischiato anche per un colpo alla spalla preso cadendo male dopo uno scontro di gioco. Le prossime ore saranno decisive per valutare entità del trauma subito (che sia solo una forte contusione oppure qualcosa di peggio) ed eventuali tempi di recupero.

Il tecnico in ansia anche per le condizioni di Morata

Ronaldo ko ma non è l'unica fonte di ansia per Pirlo, costretto a fare i conti anche con le condizioni di Alvaro Morata. Lo spagnolo è stato costretto ad abbandonare il campo a pochi minuti dalla fine del match per un problema muscolare. Anche nel suo caso le prossime ore e i controlli diagnostici spiegheranno qual è l'entità dell'acciacco (semplice affaticamento provocato dalla stanchezza oppure qualcosa di più serio).