Ciro Immobile è visibilmente entusiasta davanti ai microfoni di Sky Sport al termine della sfida contro lo Zenit in cui l'attaccante napoletano è riuscito a mettere a segno una grande doppietta. Due gol che hanno praticamente consegnato la qualificazione alla Lazio e che hanno consentito ad Immobile di confermare ancora una volta il suo enorme feeling con il gol. Immobile si è detto felice del suo rendimento e soprattutto di essere entrato a far parte di diverse classifiche della storia della Lazio.

"Il merito di tutto ciò lo divido con i miei compagni" ha detto l'attaccante biancoceleste che ha poi rivelato come dal momento in cui nel nostro campionato di Serie A siano arrivati Cristiano Ronaldo e Ibrahimovic, abbia sempre e solo preso esempio da loro per cercare di eguagliare due campioni del loro calibro. Parole che fanno onore ad un giocatore che lo scorso anno ha vinto la Scarpa d'Oro davanti a Lewandowski. "Ho avuto uno stimolo in più quando sono arrivati Cristiano Ronaldo e Ibrahimovic in Serie A" ha ribadito Immobile che si augura di arrivare ai loro livelli anche alla soglia dei 40 anni.

Immobile: "Studio per diventare come Cristiano Ronaldo e Ibra"

"Quando non gioco mi sento come un bambino a cui mancano i suoi giocattoli – ha detto Immobile a Sky Sport – ma stasera sapevo di poter dare qualcosa in più ai miei compagni che si sono comportati egregiamente in Champions League". È un Immobile raggiante che si dice felice di essere vicino all'ennesimo record di gol con la Lazio in Europa ed essere accostato ai grandi campioni che hanno fatto la storia del club biancoceleste.

L'attaccante della Lazio però ha parlato anche degli stimoli dettati dai campioni che giocano nella nostra Serie A: "Quando è arrivato Cristiano Ronaldo nel nostro campionato ho avuto uno stimolo in più – ha confermato Immobile – cerchi di arrivare alla pari di questi campioni e vedere dove ti puoi spingere".

Ma oltre all'attaccante della Juventus, Immobile ha anche parlato di Zlatan Ibrahimovic: "Ho visto e parlato con gli altri per chiedere come si allenasse, voglio studiare molto da loro – ha proseguito l'attaccante della Lazio – Io oggi ho 30 anni ma spero di arrivare, tra qualche anno, come sta Ibrahimovic in questo momento".