131 CONDIVISIONI
Opinioni
16 Maggio 2020
18:09

Il modello Bundesliga: non è il calcio che ci piace ma è il solo calcio che può esistere

La Bundesliga è tornata in campo e ci ha restituito quel che ci si aspettava: l’immagine di un calcio diverso da quello a cui eravamo abituati, svuotato della sua componente popolare, asettico nelle esultanze, imbrigliato nelle rigide regole del protocollo tedesco. L’unico compromesso possibile per ripartire (si spera) in sicurezza.
A cura di Sergio Chesi
131 CONDIVISIONI

L'immagine qui sopra, potete esserne certi, ci ricapiterà davanti agli occhi anche tra qualche anno. Perché è un'immagine storica. La prima esultanza con distanziamento sociale nella storia della Bundesliga. Haaland e compagni accuratamente lontani dopo aver sbloccato il risultato nel derby più sentito del calcio tedesco, nello stadio più caldo di Germania, desolatamente, inevitabilmente, rumorosamente vuoto.

Non poteva esserci fotografia più potente per sintetizzare la nuova versione del calcio. Tecnicamente neanche così distante dai consueti livelli. Ma nel suo insieme annacquato, anestetizzato: fate voi. Di certo non è il calcio al quale eravamo abituati e dopo due mesi di blackout fa un certo effetto, anche se ci si era preparati. Come è cambiato il mondo, d'altronde, cambia e cambierà anche il calcio. E va bene così, anche se non piace. Perché quella andata in scena sui campi della Bundesliga è la sola forma possibile affinché il calcio possa esistere in tempi di pandemia.

C'è un aspetto su cui non si potrà e non si dovrà transigere: la sicurezza di tutte le persone coinvolte. I calciatori, che nei prossimi giorni saranno nuovamente sottoposti al tampone dopo i primi incontri ravvicinati sul campo, ma anche (e soprattutto) tutti coloro che lavorano nell'ombra, dietro le quinte. Dal personale degli stadi ai tecnici delle tv, dai preparatori atletici ai giornalisti. Tutto quello che c'è al di sotto della punta dell'iceberg calcio, quella piccola parte di mondo che di calcio ci vive e per i quali è giusto che il calcio provi a ripartire.

La Germania fa da apripista anche in questo senso, favorita da un quadro pandemico meno grave rispetto a quello di tanti altri paesi. I tedeschi non hanno la bacchetta magica, né la ricetta vincente. Hanno semplicemente provato a darsi delle regole e ad applicarle (mentre in Italia continua uno stucchevole teatrino). Il risultato ci dirà quanto questo nuovo calcio sanificato sarà davvero sostenibile.

131 CONDIVISIONI
Giornalista sportivo, caporedattore di Fanpage.it con delega all'area Sport. Tra le esperienze precedenti, ho ricoperto il ruolo da direttore di Goal.com, network di informazione calcistica del gruppo DAZN.
Morto Fernando Chalana, il piccolo genio del calcio che divenne anche Cyrano e Chalanix
Morto Fernando Chalana, il piccolo genio del calcio che divenne anche Cyrano e Chalanix
Leo Sena, conseguenze del Covid pesantissime: non può più giocare a calcio in Italia, addio Spezia
Leo Sena, conseguenze del Covid pesantissime: non può più giocare a calcio in Italia, addio Spezia
Si scontra con un pesce, deve intervenire la barella: scene mai viste su un campo di calcio
Si scontra con un pesce, deve intervenire la barella: scene mai viste su un campo di calcio
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni