7 Settembre 2021
16:41

Il Chievo deve costruire la squadra da zero, via ai provini: “Cerchiamo talenti”

L’FC Chievo, il club fondato da Sergio Pellissier dopo il fallimento del Chievo Verona, ha reso noto le date per i provini utili a selezionare i componenti della prima squadra che ripartirà dalla Terza Categoria: saranno l’8 e il 9 settembre. Annunciato anche il nuovo allenatore: si tratta di Riccardo Allegretti, ex centrocampista del Bari e l’anno scorso sulla panchina della Primavera del Monza.
A cura di Andrea Lucia

Riccardo Allegretti sarà il primo allenatore dell'FC Chievo, il club che sta prendendo forma e ripartirà dalla Terza Categoria dopo il fallimento della storica società di Campedelli. Lo ha annunciato attraverso il proprio account Instagram la neonata società fondata da Sergio Pellissier:

"Riccardo Allegretti, classe 1978, inizia la sua carriera di calciatore nel Milan, per poi continuare come centrocampista registrando decine di presenze in Serie A e B (Lecco, Empoli, Reggiana, Como, Chievo, Venezia, Bari, Triestina, solo per citarne alcune).

Nel 2019 consegue il patentino Uefa A, firma per il Monza con il ruolo di allenatore della categoria Under 17 e l'anno successivo viene promosso alla guida della Primavera.

Oggi è l'allenatore della prima squadra del FC Chievo".

Fatto l'allenatore, servono i giocatori. Ecco perchè la società veneta ha lanciato anche un messaggio chiaro sui social. "Cerchiamo talenti" è lo slogan con cui l'FC Chievo ha deciso di presentare le selezioni per comporre l'organico che formerà la squadra. Mercoledì 8 e giovedì 9 settembre, dalle 16.30 alle 18.30, sono previsti i provini presso il Payanini Center di via San Marco, a Verona. L'obiettivo è ripartire da zero con la speranza di riattivare l'articolo 52, quello sul titolo sportivo, così da ridare alla società l'agognata Serie D, la serie in cui di solito vengono iscritte le compagini che falliscono tra i professionisti. Negli ultimi decenni il Chievo è stata la casa di campioni del mondo come Barzagli e Perrotta e di giocatori del calibro di Marchegiani e Bierhoff. Grazie all'ex bandiera Sergio Pellessier ora può esserla anche di giovani in cerca di una svolta calcistica.

Chievo Verona: dalle ceneri alla rinascita 

Dopo 35 anni di militanza tra i professionisti, quest'estate il Chievo Verona è stato escluso dalla Serie B a causa d'irregolarità finanziarie. Neppure il ricorso al Collegio di Garanzia del Coni prima e al Tar del Lazio poi hanno evitato il fallimento al club della famiglia Campedelli. Per i clivensi, poi, non sono arrivate offerte da parte di imprenditori disposti a rilevare il club ed ecco che è sfumata anche la Serie D. Non si tratta dell’unica squadra professionistica che mancherà in questa stagione: in Serie C sono state bocciate anche Sambenedettese, Casertana, Novara e Carpi. Il caso del Chievo fa più notizia per il blasone della società. Una rateizzazione fiscale in dodici rate per i contributi di ottobre e novembre 2020 dei suoi dipendenti, utilizzata seguendo una norma approvata dal governo, sembrava scongiurare il pericolo. Tuttavia, le scadenze fiscali riconosciute dalla FIGC (e dalla Covisoc, il suo organo di vigilanza) sono diverse e non prevedono la possibilità di rateizzazione in più di quattro rate. Secondo quanto riportato dalla Gazzetta dello Sport, la Covisoc aveva provato ad avvisare il Chievo del rischio di non potersi iscrivere al prossimo campionato, ma senza ricevere risposta dal club. E così l’8 luglio aveva bocciato la domanda degli scaligeri. Oltre alle irregolarità finanziarie, sulla società gravava anche un forte indebitamento complessivo, pari a 20 milioni di euro. Campedelli aveva provato a sistemare i conti in tempo per il ricorso ma il 15 luglio la Covisoc ha confermato il parere negativo. Quella stessa FIGC che ha chiuso le porte dei campionati professionistici e dilettantistici al Chievo Verona ne ha spalancate altre all'FC Chievo, la società che ha fondato Sergio Pellissier, storica bandiera gialloblù.

La rivoluzione silenziosa dell'Inter, mezza squadra è sul mercato: possono andar via in 14
La rivoluzione silenziosa dell'Inter, mezza squadra è sul mercato: possono andar via in 14
Di Maria fa spazientire la Juventus, ora deve dare una risposta: c'è un'altra squadra
Di Maria fa spazientire la Juventus, ora deve dare una risposta: c'è un'altra squadra
Piqué trascinato nelle notti di Barcellona da un compagno di squadra:
Piqué trascinato nelle notti di Barcellona da un compagno di squadra: "Spendono cifre indecenti"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni