Il Bari sembra essere ormai deciso verso la scelta di Massimo Carrera come nuovo allenatore. Le parti sono davvero vicinissime ad un ritorno dell’ex difensore che con la squadra pugliese aveva totalizzato 156 presenze in 5 anni con la promozione dalla Serie B alla A. La società pare aver optato di sollevare Gaetano Auteri dall'incarico di trainer dei Galletti dopo l'ultima sconfitta casalinga contro la Viterbese. Un risultato che ha certificato la crisi nera del Bari che aveva già perso contro il Teramo e pareggiato contro la Cavese.

La scelta di Carrera certifica le continue ambizioni del club che punta alla promozione in Serie B nonostante una Ternana solidissima al primo posto in classifica e con un distacco di +11 sui pugliesi. L'ultima vittoria in campionato del Bari risale allo scorso 24 gennaio quando i Galletti riuscirono ad avere la meglio in casa al ‘San Nicola' vincendo per 2-1 contro la Virtus Francavilla con il punteggio di 2-1. Nelle successive tre gare, i pugliesi hanno raccolto soltanto 1 punto.

La carriera da allenatore di Massimo Carrera

Massimo Carrera ha iniziato la sua carriera da allenatore quando entrò a far parte dello staff tecnico di Antonio Conte alla Juventus nel ruolo di assistente al pari di Angelo Alessio. Una condizione che lo portò anche a dirigere in campo in prima persona in più occasione i bianconeri in Serie A. Fu assistente di Conte poi nell'esperienza del tecnico salentino come ct della Nazionale italiana da agosto 2014 a giugno 2016.

Carrera iniziò a camminare da solo da quell'anno in poi. Non segue Conte al Chelsea entrando nello staff dello Spartak Mosca in qualità di allenatore in seconda prima di prendere il ruolo di allenatore ad interim del club a seguito delle dimissioni di Dmitrij Aleničev. Le buone prestazioni convincono poi il club a confermarlo sulla panchina dello Sparatk. Mai scelta fu più azzeccata dato che Carriera, il 7 maggio 2017 riuscì a vincere la Prem'er-Liga alla guida della squadra di Mosca, riportandoli al titolo nazionale dopo 16 anni.

La vittoria della Supercoppa contro la Lokomotiv Mosca fu l'unica gioia dell'annata successiva che si concluderà poi con l'esonerato dell'allenatore. Proseguirà la sua carriera sempre all'estero, questa volta in Grecia, alla guida dell'AEK Atene a cui consentirà di partecipare alla fase a gironi di Europa League dopo aver superato i preliminari. A dicembre 2020 l'esonero per gli scarsi risultati in campionato e ora la possibilità di rilanciarsi in Italia in una piazza calda come Bari. L'obiettivo è quello di portare il club in Serie B.