La vigilia di Salernitana-Monza, gara valida per la 35a giornata del campionato di Serie B, è stata resa turbolenta nella notte. All'esterno dell'hotel che ospita la squadra brianzola infatti, è stato affisso uno striscione contro l'amministratore delegato del club, Adriano Galliani: "Salerno non dimentica…Galliani infame". Il popolo granata non ha digerito la recente decisione da parte della Lega di B di sospendere il campionato cadetto di cui proprio Galliani è stato uno dei più grandi fautori.

Uno stop, per alcuni, preventivo dato che la Salernitana era in un momento di forma straordinaria e con il morale alle stelle dopo la vittoria in rimonta ottenuta nell'ultimo turno contro il Venezia nei minuti di recupero. Contro un Monza che invece ha accumulato sconfitte e risultati negativi che hanno visto i brianzoli perdere sempre più punti in classifica. Secondo quanto è stato riferito, la squadra del Monza è stato dunque svegliata nella notte poiché all'una di notte sono state fatte esplodere quattro bombe carta all'esterno dell'hotel che ospita il gruppo allenata da Brocchi.

La posizione in classifica delle due squadre e la corsa verso la Serie A

Una vigilia già resa incandescente negli ultimi giorni per via della vicenda-casinò che ha visto ben 8 giocatori del Monza recarsi in Svizzera prima di fare rientro in Italia. Illegale in questo momento di emergenza sanitaria e di protocolli anti-Covid vigenti che non consentono viaggi all'estero se non con una quarantena di almeno 5 giorni in attesa di tampone. Brocchi e la società, tra richieste, comunicazioni e passi indietro dell'Ats di Monza e il possibile intervento dell'Asl di Salerno dopo l'arrivo del Monza in Campania, ha così deciso di non convocare i giocatori interessati per la partita.

Una partita ad alta tensione dato che la posizione in classifica delle due squadre dovranno giocare solo tre gare prima della fine regolare del campionato, vede questa gara come uno spartiacque decisivo per la corsa alla Serie A delle due squadre. Entrambe hanno ancora la possibilità e l’ambizione di agganciare il secondo posto, che vale la promozione diretta in serie A, attualmente occupato dal Lecce. I granata sono a -1 dalla squadra salentina allenata da Eugenio Corini.