Si è chiuso in parità il posticipo domenicale della 31a giornata di Serie A tra Napoli e Inter. Al Diego Armando Maradona, padroni di casa in vantaggio grazie ad un autogol di Handanovic, con la complicità di de Vrij, ma raggiunti nella ripresa da Eriksen. Gli azzurri di Gattuso dunque sciupano l’occasione di raggiungere la Juventus, sconfitta dall’Atalanta, al quarto posto e si portano a meno due. Gli uomini di Conte vedono ridursi a 9 i punti di vantaggio sulla seconda della classe Milan. Si ferma a 11 dunque la striscia di vittorie consecutive della capolista.

Il Napoli, in campo con la sesta maglia griffata Marcello Burlon, si è mostrato inizialmente maggiormente manovriero di un'Inter più a suo agio nel difendersi con compattezza e ripartire. Se gli ospiti sbattono contro i legni, con Lukaku che ha colpito prima una traversa e poi un palo, gli azzurri hanno fatto centro con l'assistenza però della difesa di Conte. A regalare il gol dell'1-0 agli azzurri infatti è stato Handanovic che dopo essersi scontrato con de Vrij ha fatto scivolare il pallone in rete per un goffo autogol.

Nella ripresa l'Inter è scesa in campo con un piglio più deciso e non è un caso che sia arrivato il gol del pareggio. A realizzarlo Eriksen con un tiro in prima intenzione dal limite dopo un azione passata dai due esterni Hakimi e Darmian. La partita a questo punto è calata vistosamente dal punto di vista d'intensità e del ritmo, diventando a tratti soporifera, nonostante gli ingressi di Mertens e Sanchez, con tanti errori da una parte e dall'altra. A svegliare tutti ci ha pensato Politano che ha trovato solo la traversa a dirgli di no, su un gran tiro dall'interno dell'area. È stata questa di fatto l'occasione che ha chiuso il match, per un pareggio che tutto sommato può andar bene ad entrambi. Qualche rimpianto per gli azzurri che dopo essere stati in vantaggio hanno ipotizzato l'aggancio alla Juventus al quarto posto.