Il furto è avvenuto nella notte. I ladri si sono introdotti nello stadio ‘Pinto' di Caserta e hanno rubato maglie, scarpette oltre ad altro materiale tecnico che i calciatori rossoblù utilizzano per gli allenamenti e per le partite di campionato. È per questo motivo che la sfida in programma oggi alle 12.30 con il Catania adesso è a rischio. Il match del campionato di Serie C, girone C, resta in forte dubbio a causa del blitz compiuto dai malviventi, che sono riusciti a introdursi nei locali dell'impianto agendo indisturbati. A terra erano rimasti pochi palloni da calcio e qualche paio di scarpe che, nella fretta dell'azione, gli autori del colpo avevano lasciato lì.

A scoprire cosa era successo sono stati i custodi dello stadio di Terra di Lavoro. Accortisi del furto, hanno subito avvertito i vertici della società e, al tempo stesso, è scattata la denuncia alle forze dell'ordine. La porta del magazzino dov'era conservato casacche e scarpe indossate dai calciatori era stata forzata.

Un gesto posto in essere da ignoti che arriva a poche ore dal calcio d’inizio del primo match del nuovo anno – si legge nella nota ufficiale della società -. La Casertana FC resta stupita di fronte a un tale gesto e condanna fermamente l’accaduto.

Alla luce di quanto accaduto, la società campana ha preso anche in considerazione la possibilità di chiedere il rinvio dell'incontro per cause di forza maggiore. Difficile che la Lega di categoria accetti un'opzione del genere anche in virtù della lunga trasferta già affrontata dal club siciliano. Ai ‘Falchetti' non resta che attrezzarsi nel migliore dei modi e trovare una soluzione di fortuna per riuscire a tamponare l'emergenza utilizzando altre divise. Non è la prima volta che allo stadio ‘Pinto' si verificano episodi di ‘cronaca nera': qualche tempo fa, infatti, destò scalpore l'irruzione in conferenza stampa di alcuni pseudo-tifosi che lanciò fumogeni e scatenò una gazzarra contro la dirigenza.