Dopo aver venduto Suso, Piatek e Ricardo Rodriguez, il Milan vuol tornare a fare la voce grossa anche con alcune operazioni in entrata. Piazzato il colpo Saelemaekers, ventenne giocatore esterno prelevato in prestito con obbligo di riscatto dall'Anderlecht, il club rossonero è infatti molto vicino all'acquisto di Antonee Robinson del Wigan.

Secondo quanto riferito da Gianluca Di Marzio, Maldini, Boban e Massara avrebbero infatti trovato l'accordo per il terzino americano che arriverà domani in Italia con la formula del prestito con diritto di riscatto, che si trasformerà in obbligo dopo il raggiungimento di determinati obiettivi. La cifra totale investita dalla società milanese dovrebbe aggirarsi intorno ai 7 milioni. Per il Diavolo si tratta di un colpo di mercato che va a chiudere il buco lasciato da Ricardo Rodriguez.

Le alternative a Robinson

Prima di chiudere l'affare per Robinson, il Milan si era esposto anche per altri giocatori ritenuti in grado di recitare il ruolo di vice Theo Hernandez: Matty Cash, terzino classe '97 del Nottingham Forrest, e ad Aaron Hickey: giovanissimo difensore scozzese (è un classe 2002) attualmente in forza agli Hearts. L'ultima opzione per la fascia sinistra portava infine ad un ‘cavallo di ritorno': Diego Laxalt, passato dal Milan al Torino soltanto pochi mesi fa.

Tra i giocatori che erano stati invece depennati dalla lista rossonera figura Matias Viña. Nella giornata di oggi era infatti arrivato il ‘no grazie' del Nacional Montevideo, che aveva rifiutato anche la seconda proposta milanista di 8 milioni di euro complessivi: un'offerta leggermente più alta della prima inviata in Uruguay dal club di Elliott. Il rifiuto degli uruguaiani ha così convinto il Milan a tornare su Robinson e a chiudere per il suo arrivo in Italia.