24 Settembre 2021
10:55

Busquets esagera: gesto antisportivo all’ultimo secondo, salva il Barcellona con una furbata

Nell’ultimo match di Liga il Barcellona ha pareggiato 0-0 sul campo del Cadice, ma a salvare i blaugrana dalla clamorosa sconfitta è stato un gesto antisportivo di Sergio Busquets che ha tirato un secondo pallone contro un avversario per fermarne l’azione offensiva. Comportamento quello del centrocampista spagnolo che ha sollevato numerose polemiche.
A cura di Michele Mazzeo

La crisi del Barcellona post Leo Messi continua. Nel match contro il Cadice i blaugrana non riescono ad andare oltre lo 0-0 e, giocando inferiorità numerica negli ultimi 30 minuti di gioco a causa dell'espulsione rimediata da Frankie de Jong, hanno addirittura rischiato più volte di uscire dal Nuevo Mirandilla con una clamorosa sconfitta. A parte le difficoltà oggettive della squadra di Koeman, a serio rischio esonero, nello sviluppare gioco, c'è però un preciso episodio del match contro il Cadice che può essere assunto ad emblema del momento nero della formazione catalana, quando cioè il capitano Sergio Busquets è dovuto ricorrere ad un gesto anti-sportivo per salvare i suoi da un altro pesante ko stagionale.

Quando anche i cinque minuti di recupero assegnati dall'arbitro erano ormai scaduti, la squadra di casa stava portando un'ultima offensiva verso la porta blaugrana con Salvi Sanchez che, sulla corsia destra, stava puntando un difensore del Barça per andare al cross, mentre sul terreno di gioco c'era un secondo pallone. A quel punto però l'esperto centrocampista ospite Busquets ha calciato il secondo pallone verso il calciatore del Cadice per interrompere l'azione d'attacco. Nel frattempo il traversone di Salvi Sanchez era finito sui piedi di Anthony Lozano che, a gioco ormai fermo, aveva siglato la rete che avrebbe consegnato la storica vittoria ai suoi.

Nel frattempo infatti l'arbitro aveva interrotto il gioco per ammonire Sergio Busquets per la sua condotta anti-sportiva e reso quindi vano il gol del Cadice. Un gesto che dunque ha di fatto salvato il Barcellona dalla seconda sconfitta nelle ultime tre gare dopo il pesante ko interno rimediato con il Bayern Monaco al debutto nella fase a gironi della Champions League.

Un gesto, quello del capitano blaugrana, che ha però sollevato numerose polemiche sui social network e sulla stampa internazionale: "Un comportamento vergognoso", "Questo non è fair-play", "Che sciocchezza" sono infatti solo alcuni dei tantissimi commenti apparsi in merito all'episodio. Non è però così per l'allenatore Ronald Koeman che, a caldo, ha addirittura protestato veementemente per l'ammonizione comminata al suo calciatore tanto da costringere l'arbitro ad espellerlo.

Con il Barcellona finito ora a sette lunghezze di distanza dal Real Madrid di Carlo Ancelotti, capolista della Liga, con la sua panchina sempre più in bilico e un clima sempre più teso (come dimostra la sua ultima conferenza stampa), il gesto antisportivo di Busquets e l'espulsione potrebbero addirittura essere l'ultimo atto dell'avventura catalana del tecnico olandese.

Il messaggio di Suarez con il gesto del telefono dopo il gol al Barça: "Il mio numero è lo stesso"
Il messaggio di Suarez con il gesto del telefono dopo il gol al Barça: "Il mio numero è lo stesso"
"Viene dall'alto", il gesto di nascosto in panchina che fotografa i mali del Barcellona
"Viene dall'alto", il gesto di nascosto in panchina che fotografa i mali del Barcellona
Il Barcellona in Champions è un ricordo: perde 3-0 anche col Benfica, è ultimo nel girone
Il Barcellona in Champions è un ricordo: perde 3-0 anche col Benfica, è ultimo nel girone
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni