Il Barcellona sta vivendo una stagione particolarissima, è in piena corsa in Champions League (ha pareggiato 1-1 al San Paolo negli ottavi d’andata) e nella Liga (ha perso 2-0 con il Real, ma è a un punto dal vertice). Ma i catalani, tra mille polemiche e numerosi infortuni, hanno cambiato allenatore nel mese di gennaio, liquidando Valverde, vincitore due volte (su due) del campionato, e prendendo Quique Setien che al netto di qualche buon risultato non ha dato la scossa ed è finito nella bufera per colpa del suo vice, Eder Sarabia.

Cosa ha detto Sarabia nel Clasico Real Madrid-Barcellona

Le immagini delle telecamere hanno messo nei guai il vice allenatore dei catalani che ha usato toni molto forti, sia verso i calciatori del Real che quelli del Barcellona. Parole inaccettabili che hanno creato enormi polemiche in Spagna e hanno fatto aumentare i dubbi su Setien e sul suo staff. Sarabia, secondo i media spagnoli, era già nel mirino dei calciatori che non apprezzano molto i suoi metodi.

Le scuse di Quique Setien

Il tecnico ufficialmente si è scusato per le parole dette dal suo vice Eder Sarabia nel corso del ‘Clasico’, riprese dalla tv e che hanno avuto una grossa risonanza nei giorni successivi. Setien dice di aver parlato con Sarabia, che ha capito l’errore. L’allenatore del Barcellona fa ammenda e dice anche di essere preoccupato perché tutti devono imparare a controllarsi.

Naturalmente abbiamo parlato. Anche lui è preoccupato. Non ci importa della situazione. È un problema dobbiamo migliorare noi stessi. Stiamo cercando di trovare una soluzione. E ci sta lavorando. Abbiamo già fatto le scuse che dovevamo fare, soprattutto io perché, alla fine, è colpa mia. Devo controllare queste cose. Possiamo essere criticati perché giochiamo male o sbagliamo una sostituzione. Per qualunque cosa ci possono criticare, ma non per il comportamento. Sarabia ha un grande temperamento ma deve imparare a controllarsi.

Il futuro di Setien è già in discussione

Nonostante un contratto valido fino al 2022 Quique Setien è in bilico. Non è riuscito a dare la sterzata, lo spogliatoio non apprezza molto i metodi del vice e l’ombra di Ronald Koeman, c.t. dell’Olanda con un grande passato al Barcellona, torna a essere molto ingombrante.