Il calcio è un gioco che riesce a regalare storie impensabili. La gara del ritorno in Champions League della Lazio dopo 13 anni verrà ricordata per la straordinaria prestazione della squadra di Inzaghi contro un club importante come il Borussia Dortmund e per la rete decisiva di Jean-Daniel Akpa Akpro. Il passaggio di esterno di Luis Alberto per Immobile è una perla, la giocata da pivot della Scarpa d'Oro 2020 è eccellente e l'appoggio in rete alle spalle di Hitz dell'esordiente centrocampista ex Salernitana, dopo il movimento da punta a centro area. Il terzo gol dei biancocelesti è un concentrato di tecnica e grande volontà su cui fa capolino la storia di un ragazzo classe 1992 che era rimasto svincolato tre anni fa prima che lo pescasse il club campano.

Secondo quanto riporta Opta, l'ultimo giocatore della Lazio ad andare a segno al suo debutto in Champions League prima di Akpa Akpro era stato Simone Inzaghi nel settembre 1999 contro il Maribor.

Akpa Akpro ha militato in Ligue 1 con il Tolosa prima di rimanere senza squadra e approdare in Italia: inizialmente venne schierato come terzino-laterale per le sue doti atletiche ma piano piano è riuscito a riprendersi il suo posto in mezzo al campo e dopo i due anni all'Arechi si sono aperte le porte della Serie A. Inzaghi ha pensato, fin dal ritiro, di utilizzarlo come alternativa a Milinkovic-Savic e proprio entrando al posto del serbo stasera si è preso una grande soddisfazione.

Akpa Akpro, il pupillo di Lotito e gli insulti a Ventura

"Sto pezzo di m… è una cosa guarda, questo è matto! Ha tolto Akpa Akpro a centrocampo e ha rovinato tutto; sempre co sto Maistro": sono state queste le parole del presidente della Lazio e proprietario della Salernitana, Claudio Lotito, sulle scelte sbagliate del tecnico del club campano Giampiero Ventura riguardo ai cambi dopo la sconfitta contro lo Spezia. Lotito lo ha sempre apprezzato e il modo in cui ha apostrofato l'ex CT della Nazionale Italiana per la sua sostituzione fa capire come e quanto tenga il numero uno della società biancoceleste al calciatore francese naturalizzato ivoriano. Questo 20 ottobre 2020 rimarrà per sempre nella mente di Jean-Daniel Akpa Akpro.