La regular season NBA è iniziata da poche ore e abbiamo subito la prima magia bella servita sul piatto. L'autore è Jayson Tatum, che all'ultimo respiro della sfida tra Boston Celitcs e i Milwaukee Bucks ha realizzato una tripla appoggiandosi al tabellone riuscendo a vincere la resistenza delle braccia protese dell'MVP dello scorso anno Giannis Antetokounmpo. Il fenomeno greco ha avuto la possibilità di pareggiare i conti ma ha sbagliato il secondo dei tiri a sua disposizione servendo la vittoria alla franchigia di Brad Stevens. Al TD Garden finisce 122 a 121.

Rimandato il match tra Houston Rockets e Oklahoma Thunder a causa dei test Covid di tre giocatori che hanno dato risultato "positivo o inconcludente" e la conseguente quarantena per altri quattro atleti: in questo modo la franchigia di Silas non arrivava agli otto giocatori necessari per giocare. James Harden sanzionato per aver violato il protocollo di sicurezza.

Chicago Bulls-Atlanta Hawks 104-124

Buona partenza per Atlanta Hawks di Danilo Gallinari, che vincono sul parquet dei Chicago Bulls di 20 lunghezze. Non sono bastati i 22 punti di Zach LaVine e i 21 di Lauri Markkanen per i padroni di casa che hanno subito dall'inizio alla fine il dominio degli Hawks. L'ala di Sant'Angelo Lodigiano ha chiuso il match d'esordio con 13 punti, 4 rimbalzi e 3 assist in 25 minuti.

Toronto Raptors-New Orleans Pelicans 99-113

Vittoria di prestigio per i Pelicans di Stan Van Gundy sui Raptors. Nicolò Melli non ha lasciato il segno al suo esordio e l'ex  Reggiana e Olimpia Milano ha sbagliato tutti i quattro tiri tentati nella sua partita. Buon debutto di Eric Bledsoe, 18 punti e 6 assist. Si interrompe la striscia di sette successi consecutivi al primo match stagionale dei Toronto Raptors.

Denver Nuggets-Sacramento Kings 122-124 OT

Il match più divertente della notte è certamente quello tra Nuggets e Kings, con un finale decisa solamente al supplementare da Buddy Hield dopo un susseguirsi di episodi al limite del reale: palla persa di Nikola Jokic, scontro al ferro tra Harrison Barnes e Will Barton e la deviazione decisiva di Hield. Da segnalare la stoppata meravigliosa di De’Aaron Fox su Will Barton.