3.342 CONDIVISIONI
La morte di Kobe Bryant, star NBA, e di sua figlia
26 Gennaio 2020
21:41

Chi era Kobe Bryant, l’ex campione di basket morto a 41 anni in un incidente in elicottero

Kobe Bryant, morto in un incidente in elicottero, ha imparato i fondamentali del basket in Italia. Ha seguito il padre, che ha giocato a Rieti, Reggio Calabria e Pistoia Era già un bambino carismatico, che voleva i palloni decisivi anche a minibasket. “Quando sarò grande” ha detto un giorno da piccolo, “vi farò vedere come si gioca a basket”
3.342 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
La morte di Kobe Bryant, star NBA, e di sua figlia

Kobe Bryant aveva sempre una faccia seria. Non sorrideva mai. Lo ricorda così Michele Rotella, come scrive Roland Lazenby nella sua biografia del "Black Mamba", Showboat, edita in Italia da Absolutely Free. rotella si batteva spesso con il piccolo Kobe in Toscana. La stella dei Los Angeles Lakers, morto in un incidente in elicottero, è cresciuto in Italia tra Rieti, Reggio Calabria, Pistoia e Reggio Emilia. Ha seguito il padre Joe, che giocava in Italia, e da subito ha sviluppato quella mentalità vincente che poi l'ha accompagnato per tutta la vita.

In Italia ha imparato tutto del basket

Fin da piccolo, ha raccontato a Lazenby, a minibasket, gli piaceva decidere le partita. Al momento della giocata decisiva, dice, esistono due strade: combattere o fuggire. E capisce subito di essere un combattente. Il giornalista del Corriere dello Sport Andrea Barocci, che al suo periodo italiano ha dedicato il suo libro “Un italiano di nome Kobe” (Absolutely Free Editore) racconta di una partita in un torneo Plasmon. Kobe aveva sei anni, tutti gli altri ne avevano nove e hanno finito in lacrime: gli avversari perché non sapevano come fermarlo, i compagni perché non avevano praticamente toccato palla.

E' un bambino individualista e carismatico. La mamma lo veste con i completini eleganti, come se fosse un adulto in miniatura. Lo protegge, quasi lo vizia. I continui spostamenti non lo aiutano a mettere radici, ma all'Italia, ha sempre ammesso, deve tutto quello che sa della pallacanestro.

Chi era Kobe Bryant: Da grande vi farò vedere come si gioca

Chi era Kobe Bryant? La prima tappa, quando Kobe ha otto anni, è Rieti. Il pubblico adora Joe, l'esperienza rinsalda i legami della famiglia Bryant, unita in terra straniera. "Era come andare in un altro mondo, potevamo contare solo su noi stessi" ha detto. Intanto Kobe, che cattura l'attenzione anche perché è l'unico bambino di colore, impara tutti i fondamentali del gioco.

Si ritrova anche, inevitabilmente, a giocare a calcetto. E' alto e longilineo, e spesso per questo lo mettono in porta, anche se dicono fosse piuttosto promettente anche come attaccante, così agile e svelto di piedi. La famiglia si sposta a Pistoia, a Reggio Calabria dove Joe in una partita segna anche 70 punti. Nell'intervallo entrava Kobe, che da solo si metteva a tirare e palleggiare finché i "grandi" non rientravano in campo. Era uno spettacolo, e non era così facile poi farlo uscire dal campo. Stava già pensando al suo futuro. E una volta l'ha anche ammesso, davanti a Leon Douglas, che giocava con il padre in quella squadra, a Pistoia. "Quando sarò grande, vi mostrerò come si gioca" diceva.

L'ha capito anche Ron Artest, che ha cambiato legalmente nome in Metta World Peace e ha giocato con Bryant ai Lakers. Anche lui ha avuto una parentesi in Italia, iniziata proprio a Pistoia. Dopo la prima partita, ha chiamato Kobe. "Adesso ho capito perché giochi così" gli ha confessato. Senza l'Italia, Bryant non sarebbe diventato Bryant.

3.342 CONDIVISIONI
Due anni dopo la morte di Kobe Bryant è rimasta una sola domanda ancora senza risposta
Due anni dopo la morte di Kobe Bryant è rimasta una sola domanda ancora senza risposta
Vanessa Bryant, sì all'accordo per chiudere la causa sull'incidente in cui morirono Kobe e Gianna
Vanessa Bryant, sì all'accordo per chiudere la causa sull'incidente in cui morirono Kobe e Gianna
Kobe Bryant morto per un errore del pilota: le cause dell'incidente confermate dalla perizia
Kobe Bryant morto per un errore del pilota: le cause dell'incidente confermate dalla perizia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni