1.614 CONDIVISIONI
Opinioni
15 Maggio 2022
12:35

Eurovision, la rivincita di Cattelan e Di Domenico: “quelli di Mtv” non devono più chiedere permesso

Alessandro Cattelan e Carolina Di Domenico sono due diverse chiavi del successo di Eurovision. Figli una generazione di volti televisivi relegati a un eterno stagismo, sono definitivamente sbocciati.
A cura di Andrea Parrella
1.614 CONDIVISIONI

Archiviato Eurovision 2022 siamo qui, come spettatori, a chiederci una sola cosa: è stato un caso? Il successo debordante, e francamente inaspettato, ci lascia intontiti per la portata, ma soprattutto incapaci a pronosticare se l'entusiasmo per questa edizione sia dipeso dal solo fattore Italia, oppure se in questi ascolti ci sia qualcosa di strutturale. Ma siccome a darci questa risposta può essere solo il futuro, generalmente restio a farsi intervistare, non resta che attendere per saperlo. Alcune cose, invece, l'Eurovision ce le ha dette in modo chiaro: per esempio Alessandro Cattelan e Carolina Di Domenico. Entrambi escono diversamente rafforzati da questa esperienza.

Cattelan fa il salto

L'ex conduttore di Sky potrebbe aver trovato nell'Eurovision la carta speciale che gli permetta di superare la condizione di "intruso" in Rai che stava vivendo da alcuni mesi. L'enfant prodige atteso da sempre sulle reti del servizio pubblico, viveva da mesi una fase di stallo dovuta al debutto in Rai poco incoraggiante con Da GrandeEurovision, al contrario, è un evento che gli ha permesso di esprimersi in tutta la sua bravura, con il valore aggiunto di quel grande pubblico che fino ad ora sembrava essere la sua nemesi.

Carolina Di Domenico è sbocciata

Dall'altra parte c'è Carolina Di Domenico, da tanto tempo in Rai ma immeritatamente esclusa dai progetti che contano, veterana di Eurovision per quella peculiarità che in Italia è trattata quasi come un handicap: saper parlare inglese. Non doveva dimostrarlo a chi già la conoscesse, ma in questi giorni Di Domenico ha palesato tutto il suo talento per la conduzione, aggiungendosi con grande ironia al duo Corsi-Malgioglio e rivendicando una centralità televisiva che meriterebbe.

La generazione di quelli di Mtv

Cos'hanno in comune Cattelan e Di Domenico? Oltre a una crescita professionale spalla a spalla, rappresentano in maniera plastica la rivincita di "quelli di Mtv". La definizione, che potrebbe apparire dispregiativa, è in realtà generazionale. Il riferimento è a conduttrici e conduttori di belle speranze allevati nel vivaio dell'emittente musicale tra anni Novanta e Duemila, che hanno finito per restare ingabbiati in una condizione potenziale più per volere dell'opinione pubblica che per incapacità. Non hanno fatto solo Mtv, ma la definizione di VJ si è rivelata una zavorra. Volti di grande talento e versatilità, relegati in modo inspiegabile (o forse spiegabilissimo se parliamo del nostro paese) ad eterne promesse, stagisti della televisione a vita.

Ecco, se c'è una cosa che Eurovision 2022 ci insegna è che "quelli di Mtv" non devono più chiedere permesso. Sono bravi, intuitivi e seguiti, se messi nelle condizioni di essere seguiti.

1.614 CONDIVISIONI
"L'avvenire è dei curiosi di professione", recitava la frase di un vecchio film che provo a ricordare ogni giorno. Scrivo di intrattenimento e televisione dal 2012, coltivando la speranza di riuscire a raccontare la realtà che vediamo attraverso uno schermo, di qualunque dimensione sia. Renzo Arbore è il mio profeta.
Laura Pausini e Alessandro Cattelan conduttori dell'Eurovision 2022, Mika da confermare
Laura Pausini e Alessandro Cattelan conduttori dell'Eurovision 2022, Mika da confermare
Alessandro Cattelan:
Alessandro Cattelan: "Eurovision evento politico, è la cosa più grande che mi sia capitata"
Blanco e Mahmood a Domenica In dall'Eurovision:
Blanco e Mahmood a Domenica In dall'Eurovision: "Quando canteremo? Ci abbiamo capito poco"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni