Secondo l'ultimo sondaggio effettuato da Emg Acqua, e presentato oggi ad Agorà su RaiTre, se si votasse oggi la Lega sarebbe ancora il primo partito, seguito dal Movimento Cinque Stelle. Il 30,9% degli intervistati ha infatti risposto che se si votasse oggi darebbe fiducia al partito guidato dal vicepremier Matteo Salvini, che risulta dunque in crescita dello 0,3% rispetto alla settimana scorsa. Il 23,4% degli elettori ha risposto che voterebbe per i Cinque Stelle, percentuale in calo dello 0,4% rispetto alla rilevazione di una settimana fa. Il trend negativo del Movimento guidato dal vicepremier Luigi Di Maio non accenna ad arrestarsi. In totale le intenzioni di voto dei partiti di governo raggiungono il 54,3%, in leggerissimo calo (-0,1%) rispetto alla scorsa settimana.

In leggera risalita la percentuale complessiva per le opposizioni di centrodestra (+0,1% rispetto a settimana scorsa). In particolare Fratelli d'Italia di Giorgia Meloni 4,8% (-0,1%), Forza Italia 10% (+0,2%), Noi con l'Italia si attesta sullo 0,6%, stabile rispetto a mercoledì scorso. La performance migliore tra i partiti d'opposizione è ancora quella del Pd: se si andasse oggi alle urne, secondo la rilevazione raggiungerebbe il 21% delle preferenze, percentuale in risalita rispetto alla settimana scorsa (+1,1%). I dem sono sempre più vicini ai pentastellati. La rilevazione è stata realizzata durante la giornata del 19 marzo, non sappiamo quindi se e quanto inciderà sul gradimento dell'elettorato verso i dem la notizia, divulgata dal settimanale l"Espresso', dell'indagine a carico del neo segretario Nicola Zingaretti, che sarebbe accusato di finanziamento illecito ai partiti.

In leggero calo le opposizioni di centrosinistra: +Europa-Cd con Bonino 3% (-0,1%). Altri partiti fra cui Mdp, Si, Verdi raggiungono solo il 3,5% (-0,5%). Potere al popolo è all'1,6%.