Valeria Mella
in foto: Valeria Mella

Sono giorni di apprensione per i famigliari di Valeria Mella, la venticinquenne dispersa da lunedì scorso sul Monte Velino in Abruzzo, insieme al fidanzato Gianmarco e due amici. Valeria è originaria di Cassino, in provincia di Frosinone, dove entrambi i genitori sono molto conosciuti, poi vissuta in Abruzzo. La ragazza è figlia del luogotenente dei carabinieri Vincenzo Mella. La comunità di Cassino ha mostrato loro vicinanza, per queste interminabili ore di attesa, condividendo la speranza di ritrovarla presto. Ieri i cittadini hanno pregato per loro nella chiesa di Sant'Antonio. Le ricerche dei soccorritori sono in corso, partite dopo che degli escursionisti non si sono più avute notizie, travolti da una valanga. Ricerche che si sono rivelate particolarmente difficili a causa del maltempo, che ha imperversato nell'area e che sono riprese stamattina presto. Sulle loro tracce ci sono gli operatori del Soccorso alpino e speleologico e delle unità cinofile, i militari della Guardia di Finanza, i vigili del fuoco, l'Esercito e i carabinieri, con il personale sanitario sul posto con diversi mezzi di soccorso, pronto ad intervenire. L'elicottero sorvola la zona.

I soccorritori che cercano Valeria Mella e i tre escursionisti sperano di trovarli vivi

Sui quattro dispersi nella valanga sul monte Velino, tra i quali c'è anche Valeria, da quanto quanto si apprende al momento non ci sono purtroppo particolari novità, se non che ieri pare sia stato ritrovato uno smartphone e sono in corso accertamenti sul dispositivo. Valeria insieme ai tre compagni di avventura, appassionata di montagna e di viaggi, è partita per l'escursione verso la Valle Majelama, nota anche come la ‘valle delle aquile', nei pressi del Monte Cafornia. Non vedendoli rientrare in tarda sera sono scattate le ricerche, interrotte durante la notte, che si stanno protraendo da molte ore. La speranza di parenti e soccorritori è di ritrovarli vivi.