Il cadavere di una donna è stato rinvenuto in via Germano Sommellier, nei pressi della Basilica di Santa Croce in Gerusalemme a Roma. La tragedia si è consumata nella mattinata di oggi, giovedì 26 novembre. La chiamata al Numero Unico delle Emergenze 112 all'alba, sul posto, arrivata la richiesta di intervento per una donna morta, sono giunti immediatamente gli agenti della Polizia di Stato. Arrivati sul luogo della segnalazione, la donna è stata trovata riversa a terra, in una pozza di sangue, ormai priva di vita. Purtroppo inutile ogni tentativo di salvarla da parte del personale sanitario arrivato in ambulanza a sirene spiegate per soccorrerla e trasportarla in ospedale. Secondo quanto ricostruito dai poliziotti che indagano sull'accaduto, la donna, una ottantanovenne, sarebbe precipitata nel cortile dal secondo piano di un convento gestito da suore e adibito a Bed&Breakfast che appartiene all'ordine religioso delle suore del Sacro Cuore di Gesù. Un volo di diversi metri e una caduta rovinosa, che non le hanno purtroppo lasciato scampo, uccidendola probabilmente all'impatto con l'asfalto.

Ipotesi suicidio

Presente sul posto per i rilievi del caso, al Scientifica, che ha svolto gli accertamenti di rito. Al momento l'ipotesi verso la quale propendono gli investigatori, che hanno ascoltato le persone che hanno trovato per prime il corpo, è che si sia trattato di un suicidio. Terminati gli accertamenti, la salma è stata trasferita in obitorio, dove resta a disposizione dell'Autorità Giudiziaria per eventuali accertamenti da parte del medico legale, che effettuerà l'autopsia. Al momento non è nota la sua identità, né i motivi che l'avrebbero spinta a compiere il gesto volontario e a togliersi la vita.