1.462 CONDIVISIONI
20 Maggio 2022
17:40

Omicidio Willy Monteiro, la sentenza può arrivare il 26 maggio: chiesto ergastolo per i Bianchi

Per quel giorno sono in programma le arringhe difensive degli avvocati dei fratelli Bianchi, Marco e Gabriele, accusati di concorso in omicidio insieme a Francesco Belleggia e Mario Pincarelli.
A cura di Enrico Tata
1.462 CONDIVISIONI

Ventisei maggio, fra meno di una settimana: questa è la data in cui potrebbe arrivare la sentenza per l'omicidio di Willy Monteiro Duarte. Per quel giorno sono in programma le arringhe difensive degli avvocati dei fratelli Bianchi, Marco e Gabriele, accusati di concorso in omicidio insieme a Francesco Belleggia e Mario Pincarelli. I pm della procura di Velletri hanno chiesto l'ergastolo per i primi due e 24 anni di reclusione con la concessione delle attenuanti generiche per gli altri due imputati. Dopo le tesi della difesa è prevista la sentenza, a meno di ritardi e di un eventuale rinvio. Il processo, ricordiamo, si svolge davanti alla corte d'assise di Frosinone. Willy Monteiro Duarte è stato massacrato di botte nel settembre del 2020 a Colleferro.

Le accuse dei pm: "Willy picchiato come un sacco da boxe"

Secondo gli inquirenti, Willy è stato picchiato "come fosse un sacco di pugilato". L'autopsia sul suo corpo mostra "le conseguenze e fornisce la percezione, della furia che si è scatenata sul ragazzo. Non c'è elemento che dica che Willy si sia difeso. Il suo corpo sul tavolo settorio è un corpo che parla". Tutta la superficie, ha ricordato il pubblico ministero motivando le richieste dell'accusa, "è attraversata da contusioni e tracce di percosse. Non c'è una parte del corpo di Willy che non fosse interessata" da un trauma.

Attenuanti generiche a Belleggia e Pincarelli

I fratelli Bianchi sono i principali responsabili, ma per i pm hanno colpe anche Belleggia e Pincarelli: "Quante gambe devono avere i fratelli Bianchi per averlo colpito solo loro? Quattro gambe e quattro braccia ciascuno? La macchia di sangue sul pantalone di Pincarelli è ellittica; è, quindi, una macchia di sangue da schizzo e dice che Pincarelli era vicino alla sorgente del sangue. Così come la traccia di sangue sugli indumenti di Marco Bianchi". La vittima, è ancora la ricostruzione dell'accusa, "è stata selezionata selezionata senza alcun tipo di motivo. Colpi portati con tecniche di arti marziali; hanno infierito sulla vittima. Chi sapeva che Willy non c'entrava nulla in quella storia erano Belleggia e Pincarelli perché loro erano lì dall'inizio, ma hanno comunque accettato di fare parte di quella aggressione. Hanno partecipato al pestaggio". Nonostante questo ai due sono state concesse le attenuanti generiche.

1.462 CONDIVISIONI
Marco Bianchi scrive alla madre di Willy:
Marco Bianchi scrive alla madre di Willy: "Siamo uomini veri, non l'abbiamo ucciso noi"
Fidanzati uccisi a Lecce, la sentenza: ergastolo per De Marco, l’assassino di Daniele ed Eleonora
Fidanzati uccisi a Lecce, la sentenza: ergastolo per De Marco, l’assassino di Daniele ed Eleonora
155 di Videonews
Fidanzati uccisi a Lecce, ergastolo all'imputato: la lettura della sentenza
Fidanzati uccisi a Lecce, ergastolo all'imputato: la lettura della sentenza
26.679 di antoizzo86
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni