La commissione capitolina Ambiente si è riunita oggi e ha discusso e messo in votazione il nuovo Regolamento per la Gestione dei Rifiuti Urbani, che non veniva aggiornato dal 2005. Ci sono stati 6 voti favorevoli, un astenuto e zero voti contrari. Il testo approvato dalla commissione sarà presto discusso dall’Assemblea Capitolina. Si tratta, fa sapere il Campidoglio, di uno strumento che recepisce tutte le più importanti normative a livello ambientale, compreso il ‘pacchetto economica circolare' contenuto nel decreto legislativo 116 del settembre 2020.

Divieto di utilizzo dei sacchi neri, per l'indifferenziata solo sacchi trasparenti

Tra le novità contenute nel testo del nuovo regolamento c'è l'istituzione degli ispettori ambientali, le ‘ecofeste, la nuova gestione dei centri di raccolta, il riutilizzo dei beni all'interno delle isole ecologiche, la campagna ‘plastic free', iniziative contro lo spreco alimentare. Inoltre sarà inserito il divieto, con tanto di multa salata per i trasgressori, di abbandono a terra delle mascherine e anche il divieto di utilizzare sacchi neri per gettare i rifiuti (obbligo già inserito in una recente ordinanza della sindaca Raggi).

"Roma si pone in prima linea tra le città che hanno recepito le più recenti direttive europee in tema di green economy, accogliendo anche gli indirizzi votati negli anni dall’Assemblea capitolina, primo fra tutti la delibera 47/2017 sui materiali post consumo", ha commentato l'assessora ai Rifiuti Katia Ziantoni. "Un corpus di regole, frutto di un grande lavoro svolto dall’Assessora ai Rifiuti Katia Ziantoni, con cui l’Amministrazione Raggi intende aggiornare la vigente disciplina ai principi generali in materia stabiliti successivamente al precedente Regolamento", ha dichiarato in una nota stampa il presidente della commissione Ambiente di Roma Capitale Daniele Diaco.