21 Marzo 2022
19:00

‘Ndrangheta nel litorale Sud di Roma: il prefetto valuta scioglimento di Anzio e Nettuno

Sei consiglieri e un assessore comunale hanno lasciato l’amministrazione di Anzio. Il prefetto Matteo Piantedosi in merito all’inchiesta della Dda di Roma valuta lo scioglimento di Anzio e Nettuno.
A cura di Alessia Rabbai
Il sindaco di Anzio Candido De Angelis e il sindaco di Nettuno Alessandro Coppola
Il sindaco di Anzio Candido De Angelis e il sindaco di Nettuno Alessandro Coppola

Il prefetto di Roma Matteo Piantedosi sta valutando lo scioglimento dei consigli comunali di Anzio e Nettuno. La prima ha visto sei consiglieri e un assessore dare dimissioni, a seguito dell'inchiesta Tritone della Dda di Roma. L'operazione ha portato ad arresti e all'ipotesi di infiltrazione della ‘ndrangheta nella politica del litorale della provincia a Sud della Capitale. Come riporta La Repubblica in un articolo a firma di Clemente Pistilli, a lasciare il consiglio comunale sono Flavio Vasoli, Giuseppina Piccolo e Stefania Amaducci di Progetto Anzio, Cinzia Galasso, Roberto Camilli e l'assessore Laura Nolfi di Fratelli d'Italia. Pochi giorni prima a consegnare le dimissioni è stato il consigliere comunale Marco Maranesi. Per gli inquirenti la loro campagna elettorale sarebbe stata sostenuta dalla criminalità organizzata. Resta ancora in carica il sindaco leghista Candido De Angelis.

A Nettuno mozione di sfiducia per il sindaco Alessandro Coppola

Resta ancora in carica come quello di Anzio anche il sindaco di Nettuno, Alessandro Coppola, rispetto al quale il prossimo 25 marzo in consiglio comunale si discuterà una mozione di sfiducia anvanzata da dieci consiglieri d'opposizione. A dimettersi sono stati gli assessori Camilla Ludovisi e Maddalena Noce. La prima è la compagna del consigliere comunale Luca Ranucci, che gli inquirenti ritengono essere stato eletto grazie all'organizzazione, mentre la seconda è stata intercettata mentre chiedeva a uno degli arrestati voti per una candidata ad Anzio.

L'operazione Tritone

Il 17 febbraio scorso i carabinieri del Comando provinciale di Roma hanno perquisito gli uffici di Anzio e Nettuno, per sospetti di infiltrazioni di stampo mafioso tra la pubblica amministrazione e il traffico illecito di rifiuti. Nella stessa mattinata tra Roma e provincia sono scattati sessantacinque arresti, compresi due carabinieri, tra i quali persone gravemente indiziate di far parte di un'associazione a delinquere di stampo mafioso. In quel frangente De Angelis ha commentato: "Confidiamo nel lavoro della Magistratura, nell'assoluta consapevolezza di aver sempre esercitato liberamente il mandato elettorale".

Turista accoltellata a Termini, il prefetto annuncia più controlli alla stazione di Roma
Turista accoltellata a Termini, il prefetto annuncia più controlli alla stazione di Roma
Allerta maltempo nel Lazio: forti mareggiate sul litorale di Roma, chiuse banchine del Tevere
Allerta maltempo nel Lazio: forti mareggiate sul litorale di Roma, chiuse banchine del Tevere
Funerali Benedetto XVI, attese più di 50mila persone a San Pietro: il piano sicurezza
Funerali Benedetto XVI, attese più di 50mila persone a San Pietro: il piano sicurezza
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni